EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Pandemia e dintorni, com'è cambiata la salute dopo il passaggio del Covid

Dietro le quinte
Dietro le quinte Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Polarizzati dalla strenua lotta alla pandemia gli ospedali di tutta Europa adesso vivono l'ondata delle patologie dimenticate in pandemia e si registra spesso un maggiore tasso di mortalità

PUBBLICITÀ

L'11 marzo 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 una pandemia globale. Nei giorni precedenti in molti avevano già detto che si trattava ormai di pandemia  e la dichiarazione dello stato pandemico era apparso relativamente tardivo. 

La diffusione del virus ha portato a cambiamenti senza precedenti in tutto il mondo, poiché i governi e le autorità sanitarie hanno cercato di frenare la diffusione del virus.

"Nei giorni e nelle settimane a venire, prevediamo di vedere il numero di casi, il numero di morti e il numero di paesi colpiti salire ancora di più", aveva dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS, mentre dava l'annuncio nel 2020.

Le statistiche mostrano che i decessi causati o correlati al COVID-19 si aggiungevano in modo significativo al tasso di decessi in eccesso a livello globale. Secondo la Johns Hopkins University, ci sono stati più di 6,8 milioni di morti direttamente dovute a COVID-19. Ma oggi, attraverso la vaccinazione e le mutazioni  del virus in varianti più deboli, la minaccia è stata soffocata.

In Europa tuttavia i tassi di mortalità in eccesso sono nettamente aumentati negli ultimi mesi. 

Cos'è l'eccesso di mortalità?

L'eccesso di mortalità è il numero di decessi che si verificano al di sopra e al di là di quanto ci si aspetterebbe in un determinato periodo di tempo. Viene misurato confrontando il numero di decessi durante uno specifico periodo di tempo (come un anno) col numero medio di decessi durante lo stesso periodo di tempo negli anni precedenti. 

La mortalità rimane piuttosto stabile nel corso degli anni, a meno che non succeda qualcosa. Le deviazioni dalla mortalità prevista sono molto utili in quanto fungono da campanelli d'allarme che potrebbe accadere qualcosa
Quique Bassat
esperto di malattie infettive di ISGLOBAL, Barcelona

L'analisi di Eurostat

L'analisi condotta da Eurostat ha rilevato che i tassi di mortalità in eccesso nell'Unione europea sono aumentati del 19% nel dicembre 2022, rispetto al numero medio di decessi nello stesso periodo tra il 2016 e il 2019. Quindi, cosa significa in numeri? Secondo EuroMOMO, nel dicembre 2022 sono stati registrati oltre 101.000 decessi, rispetto ai 109.000 registrati nel 2020, quando SARS-COV-2 era in alta circolazione in Europa.

Ma non tutte le morti con  COVID-19 sono morti per COVID-19. Le condizioni di salute generali dei soggetti fanno la diferenza e gli stati più critici sono quelli di coloro che hanno patologie cardiovascolari e/o quelle respiratorie.

Il tasso di mortalità in eccesso variava tra i singoli Stati membri dell'UE. Nel dicembre 2022, i paesi dell'Europa orientale, come Bulgaria e Romania, hanno registrato tassi molto inferiori alla media dell'UE, rispettivamente da -6% a -5,5%. Ma paesi come Germania, Francia, Austria e Irlanda hanno tutti superato la media nel dicembre 2022. La Germania ha registrato un incredibile aumento del 37,3% dei decessi in eccesso in questo mese. 

È possibile che la popolazione ora abbia un'immunità più debole contro l'influenza rispetto agli anni pre-COVID-19 perché pochissime persone hanno avuto l'influenza negli ultimi due anni a causa del distanziamento sociale e dell'uso della mascherina
Dmitry Kobak
ricercatore dell' Università di Tubinga

Servizi sanitari al collasso

Anche altri fattori possono contribuire all'aumento dei tassi di mortalità in eccesso in Europa. Ad esempio, la pandemia ha messo a dura prova i sistemi sanitari, rendendo più difficile per le persone accedere alle cure mediche per altre patologie. Questo potrebbe essere all'origine di un più alto numero di decessi per cause non correlate a COVID, come malattie cardiache o cancro.

“I sistemi [sanitari] stanno cercando di recuperare le diagnosi mancate e i trattamenti ritardati causati dalla pandemia, soprattutto quando gli ospedali sono stati sopraffatti o si sono trovati a corto di personale. Questo si somma all'attuale tensione sui sistemi sanitari", ha detto a Euronews il dott. Jeffery Lazarus, capo del gruppo di ricerca sui sistemi sanitari presso ISGlobal Barcelona. È ben evidente che il peso della pandemia sui sistemi sanitari nazionali ha evidenziato lo stato di criticità preesistente già riscontrabile fra gli operatori ospedalieri e sanitari. Molti sostengono che la crisi perdura.

Ondate di calore

Le condizioni mediche non sono l'unico fattore che incide. Il clima influisce sempre di più sulla salute delle persone. Ad esempio, le storiche ondate di caldo che hanno scosso l'Europa nell'estate del 2022, quando le temperature in Spagna, Italia, Francia e Regno Unito hanno costantemente raggiunto i 40 gradi: l'intenso periodo di siccità nel continente non solo ha portato alla siccità ma anche alla morte.

Secondo l'OMS, oltre 15.000 persone sono morte a causa del caldo in Europa

"I più vulnerabili alle ondate di caldo sono in genere i lavoratori all'aperto, come quelli dell'agricoltura e dell'edilizia, nonché i più anziani della società, che sono già spesso in cattive condizioni di salute
Jeffery Lazarus
ISGlobal Barcelona

Diverse condizioni meteorologiche estreme dell'estate 2022 hanno colpito i gruppi più vulnerabili, come gli anziani, a causa dello stress da caldo, dei problemi respiratori dovuti all'aria inquinata e delle malattie cardiovascolari e cerebrovascolari preesistenti.

Cosa possono fare i governi per prevenire future pandemie?

L'aumento dei tassi di mortalità in eccesso che stiamo attualmente osservando in Europa risale quindi a  una serie di fattori.

Mentre iniziamo a pensare a un'era post-pandemica, i governi sono profondamente consapevoli che la nostra salute e la nostra libertà non devono essere date per scontate. ma cosa si può fare? “I governi devono essere proattivi e non reattivi”. dice il dottor Lazarus. “Devono seguire misure di controllo basate sull'evidenza come migliorare la qualità dell'aria interna e promuovere il richiamo del vaccino COVID-19. Invece, stanno cercando di voltare pagina sulla pandemia, con il risultato che milioni di europei sono malati di COVID-19 o COVID lungo”.

-

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: ufficialmente terminata l'emergenza da Covid-19 e stop all'uso di mascherine

Covid: qual è la situazione a tre anni dall'inizio della pandemia?

La Cina rileva 60 mila morti "legati alla Covid-19" in un mese