EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

MSC 2023: più armi all'Ucraina e maggiore chiarezza cinese

Image
Image Diritti d'autore ANDREAS SOLARO/AFP or licensors
Diritti d'autore ANDREAS SOLARO/AFP or licensors
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Concluso il summit di Monaco di Baviera. Borrell: "Meno applausi e più armi agli ucraini"

PUBBLICITÀ

La Cina gioca su più tavoli e non offre risposte chiare su molti dossier. È la sensazione di molti diplomatici alla fine della riunione sulla sicurezza che si è tenuta a Monaco di Baviera. La postura dovrebbe essere più chiara anche da parte dei paesi-membri dell'Unione europea secondo il capo della politica estera comunitaria.

Josep Borrell, capo della politica estera dell'Unione Europea: "Zelenskyy e gli ucraini hanno molti applausi e non abbastanza munizioni. Questo è il paradosso. Ci devono essere meno applausi e una migliore fornitura di armi (...)"

Ma il tema centrale sono stati i rapporti con la cina che aveva inviato in Germania Wang YI, direttore dell'Ufficio della Commissione Affari Esteri del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese. Il potentissimo politburo cinese.

Kiev ha reiterato la sua richiesta di armi anche in vista di un nuovo e probabile grande attacco russo. Gli Ucraini sanno che Putin si sta giocando il tutto per tutto e che questo lo rende pericoloso e ancora più spietato. Batterlo militarmente sembra l'unica opzione.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha detto che ciò di cui il suo paese ha bisogno sono "munizioni, artiglieria, carri armati". Alla tavola rotonda hanno preso parte anche il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock e il segretario di Stato americano Antony Blinken.

Baerbock ha rinnovato la sua richiesta ai paesi che disponevano di munizioni adeguate per i sistemi d'arma già forniti all'Ucraina, come il sistema antiaereo Gepard, per fornirli.

Blinken ha sottolineato il danno che Putin ha causato nel suo paese con la sua guerra: "Guardate cosa è successo, cosa ha fatto Putin al suo stesso paese! Ora abbiamo, secondo i conti pubblici, qualcosa come 200.000 vittime russe in Ucraina. Pensateci per un minuto. In meno di un anno abbiamo più di un milione di russi che hanno lasciato il loro paese, perché non vogliono far parte di questa guerra e della direzione che sta prendendo il paese".

Baerbock ha anche commentato l'annunciato programma di pace della Cina per l'Ucraina, sottolineando che mentre tutti gli sforzi per la pace dovrebbero essere accolti in linea di principio, dipende dal tipo di pace che si sta cercando con questo piano: "Se la Russia smette di combattere, e speriamo che questo è un appello anche dalla Cina la prossima settimana quando proporranno il loro programma di pace, invitando la Russia a smettere di combattere! Perché allora questa guerra è finita. Ma se l'Ucraina smette di difendersi, e questo potrebbe essere un altro appello, allora l'Ucraina è finita. E noi non può accettare questo, perché allora anche la Charta delle Nazioni Unite è finita». Alla domanda sulla sua opinione sull'iniziativa della Cina, Kuleba ha reagito con cautela. Finché non ci sono proposte concrete sul tavolo, non ha senso parlarne, ha detto.

Di fronte a un mondo di cambiamento e disordine, la Cina e l'Europa dovrebbero rafforzare la cooperazione per iniettare maggiore stabilità nel mondo, ha detto sabato Wang Yi, un alto diplomatico cinese.

Wang Yi, direttore dell'Ufficio della Commissione Affari Esteri del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (PCC) ha affermato che la Cina e l'UE sono partner, non rivali, e il loro consenso supera di gran lunga le loro differenze.

Quest'anno ricorre il 20° anniversario dell'istituzione del partenariato strategico globale tra la Cina e l'UE. Entrambe le parti dovrebbero rimanere impegnate nel partenariato, rispettare gli interessi fondamentali reciproci, apprezzare i frutti della cooperazione e inaugurare i prossimi due decenni ancora migliori, ha osservato.

Wang ha espresso la speranza che l'UE ei suoi membri rispettino il principio della Cina unica e mantengano il fondamento politico delle relazioni Cina-UE.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Josep Borrell: "La Cina ha assicurato che non fornirà armi a Mosca"

Guerra in Ucraina: almeno dieci civili morti a Kharkiv, Kiev colpisce raffineria di petrolio russa

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede