EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

'Vallanzasca sta male', chiesta perizia sulle sue condizioni

Antonella D'Agostino scrive dopo il no alle cure extra carcere
Antonella D'Agostino scrive dopo il no alle cure extra carcere
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - Renato Vallanzasca, 72 anni ed ex protagonista della mala milanese degli anni '70 e '80, ha problemi seri di salute, dal punto di vista fisico e mentale. Su queste basi la sua difesa ha chiesto oggi al Tribunale di Milano di effettuare una perizia medico-legale, per verificare la sua capacità di stare in giudizio, nell'udienza che si è tenuta oggi. Procedimento scaturito dalla richiesta della Procura milanese di applicargli "l'isolamento diurno per ulteriori 6 mesi". La richiesta di aggravamento dell'isolamento per Vallanzasca, detenuto a Bollate con "fine pena mai", è stata avanzata dal pm dell'Ufficio esecuzioni Adriana Blasco in un atto nel quale viene ricalcolato il cumulo pene per l'ex bandito della Comasina, anche sulla base della condanna, definitiva dal 2016, per la tentata rapina (di due mutande, un paio di cesoie e del concime) compiuta in un supermercato nel 2014, quando aveva ottenuto la semilibertà, poi revocata. Oggi nell'udienza davanti al giudice Ilaria Simi De Burgis i legali di Vallanzasca hanno chiesto la perizia per valutare la sua capacità processuale, perché, secondo la difesa, il 72enne non sarebbe in condizioni di prendere parte ad un procedimento. Già in un provvedimento dei giudici della Sorveglianza, con cui nei mesi scorsi era stata rigettata un'altra richiesta di liberazione condizionale e semilibertà, era scritto che Vallanzasca "in particolare dal 2021" è un "uomo provato", sia nel fisico che nella mente, "segnato ovviamente da circa 50 anni di carcere". E che "a volte" appare "un po' spaesato". E i legali avevano depositato documentazione medica con valutazioni neurologiche. Il giudice dovrà decidere sulla richiesta di perizia e la prossima udienza è fissata per marzo. Intanto, sempre la difesa ha chiesto al pm di applicare l'indulto sulle pene (sconto di 3 anni). (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, inaugurato il museo di Banksy a New York: la più grande collezione di murales dell'artista

L'Estonia teme operazioni ibride russe: in aumento i casi di spionaggio e guerra elettronica

Georgia: la Commissione di Venezia boccia la legge russa, minaccia la libertà di espressione