EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Gb: tasse più alte e tagli alla spesa pubblica

frame
frame Diritti d'autore Alastair Grant/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Alastair Grant/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il ministro delle Finanze Jeremy Hunt presenta il documento di Bilancio e arla dell'arrivo di "tempi assai duri"

PUBBLICITÀ

Aumento del prelievo fiscale e tagli alla spesa pubblica. Sono le linee guida del nuovo documento di Bilancio elaborato dal ministro delle Finanze britannico, il conservatore Jeremy Hunt. Con l'inflazione crescente e il potere d'acquisto di salari e pensioni in calo, Hunt ha promesso di proteggere i servizi pubblici essenziali, ma ha prefigurato l'arrivo di tempi assai duri.

"Il nostro piano punta ad affrontare la crisi e i passaggi della ricostruzione della nostra economia. Le nostre priorità sono la stabilità, la crescita e il mantenimento dei servizi pubblici".

Sebbene il dibattito politico britannico non lo riconosca in pieno, la crisi ecomomica che investe il paese viene aggravata dagli effetti della Brexit, come spiega Ethan Ilzetzki, ricercatore di Economia politica a Londra. "La maggior parte dei Paesi ha un canale commerciale attraverso il quale può alternare i diversi partner commerciali e moderare così le pressioni inflazionistiche quando si presentano. Non c'è dubbio che il Regno Unito sia in maggiore difficoltà a causa della Brexit".

Il nuovo piano economico arriva dopo il fallimento del governo di Liz Truss, che aveva varato un bilancio che tagliava drasticamente le tasse ai più ricchi, venendo di fatto bocciato dai mercati finanziari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Londra, le proteste dei cittadini contro l'espansione del pedaggio anti-emissioni

Ecco perché Londra non è più il cuore della finanza europea

L'Europa che voglio: tasse e giustizia fiscale, cosa farei da europarlamentare