This content is not available in your region

Bruxelles mette in guardia gli Stati da politiche economiche espansive

Access to the comments Commenti
Di euronews
frame
frame   -   Diritti d'autore  FRANCOIS LENOIR/   -  

La Commissione europea mette in guardia gli Stati membri dell'eurogruppo dall'eccessiva azione pubblica, magari non coordinata sul mercato, per far fronte alla crisi energetica e inflattiva e chiede piuttosto di reindirizzare le misure prese per sostenere i soggetti più vulnerabili. 

Il commissiario all'Economia Paolo Gentiloni ha sottolineato il fatto che la spesa pubblica supererà i 200 miliardi di euro entro fine anno. 

"Assistiamo a un aumento significativo della spesa pubblica, che si aggira intorno al 2% Pil, dovuto in modo particolare alle misure adottate per calmierare l'aumento dei prezzi dell'energia. Questa misura ha contibuto per circa 1/4 all'aumento della spesa pubblica. Cosa che rischia di peggiorare ulteriormente la crisi inflattiva".

Per i ministri dell'eurogrupppo trovare il punto d'equilibrio tra spesa pubblica e inflazione e la sfida dei prossimi mesi. Dopo uno scambio di vedute sui documenti programmatici di bilancio l'erugruppo ha deciso di tornare sull'argomento alla riunione dell'Eurogruppo di dicembre.