EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Copasir, ritardo contrasto disinformazione e ingerenze

Urso, impegno non più rinviabile, anche con nuove leggi
Urso, impegno non più rinviabile, anche con nuove leggi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - In Italia si ravvisa "una sostanziale debolezza degli interventi per il contrasto alla disinformazione e alle diverse forme di ingerenza. Un chiaro deficit e ritardo del nostro Paese rispetto ad impegni, strumenti, strategie e misure che da diverso tempo sono già operativi tanto nel contesto internazionale". E' uno dei punti sottolineato dal Copasir nella relazione al Parlamento, approvata oggi, come riferisce il presidente del Comitato Adolfo Urso, sollecitando "un maggiore impegno del nostro Paese - di tutti i soggetti e le autorità a vario titolo coinvolte - in questo campo anche non escludendo possibili interventi" legislativi e normativi. La Relazione è in tutto composta da 12 capitoli che riguardano i principali dossier affrontati dal Comitato: la sicurezza nazionale nel settore economico, la sfida dei sistemi autoritari alle democrazie occidentali, l'avanguardia della guerra ibrida: la macchina di disinformazione, la propaganda, il condizionamento e le ingerenze straniere, la guerra della Russia in Ucraina e la sfida della Cina all'Occidente. Il Mediterraneo allargato priorità nazionale, i nuovi domini bellici: cyberspazio e aerospazio, la governance della sicurezza, l'azione di controllo messa in campo dal Comitato e infine l'ultimo capitolo con le indicazioni al Parlamento. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Presunto attacco degli Houthi contro una nave diretta a Venezia: fuoco a bordo

La virata a destra e il calo dei Verdi segnano la fine del Green Deal?

Gaza, non si fermano le proteste: a Tel Aviv per gli ostaggi, a Los Angeles contro l'università