EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"Stato sponsor del terrorismo", la mozione lettone contro la Russia

A sinistra il segretario alla Difesa Usa con il suo omologo lettone
A sinistra il segretario alla Difesa Usa con il suo omologo lettone Diritti d'autore Roman Koksarov/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Roman Koksarov/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Eloisa Covelli Agenzie:  Ansa, Ap
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il voto dopo la visita a Riga del segretario alla Difesa Usa

PUBBLICITÀ

"Russia Stato sponsor del terrorismo", a definirlo così il parlamento lettone che vota una mozione secondo la quale le azioni russe in Ucraina costituiscono "un genocidio mirato contro il suo popolo". La Lettonia invita gli altri paesi occidentali a inasprire le sanzioni contro Mosca e aumentare il supporto a Kiev.

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ringrazia il paese baltico e invita gli altri a fare lo stesso. "Una mossa tempestiva: la Russia meritava da tempo questo status con le sue azioni in Ucraina e non solo" scrive su Twitter.

Il voto arriva all'indomani della storica visita a Riga del segretario alla difesa statunitenseLloyd Austin, in cui ha annunciato sempre più ampie esercitazioni congiunte per rafforzare il fronte est della Nato. Non è escluso - ha detto Austin - che gli Stati Uniti possano spostare le loro truppe in Lettonia dalla Romania o direttamente dalla madre patria.

Il suo omologo lettone, Artis Pabriks, ha chiesto supporto finanziario per comprare nuovo equipaggiamento militare per poter assicurare la sicurezza degli spazi aereo e costiero.

Quella di Austin è stata la prima visita in Lettonia di un capo della Difesa americana dal 1995.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gazprom taglia il gas alla Lettonia

Ucraina, riunione a Riga dei membri Nato dell'Est Europa: assenti Slovacchia e Ungheria

Paesi baltici: 75 anni fa le deportazioni di massa sovietiche in Siberia