"Troppa realtà": in Toscana teatro e musica europee per riflettere sul mondo

Donna Chittick
Donna Chittick Diritti d'autore Kilowatt Festival
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con due sedi quest'anno, tra Sansepolcro e Cortona, si è chiuso il Kilowatt festival, tradizionale appuntamento estivo che presenta le tendenze più innovative del teatro e della musica europei. Con molte prime.

PUBBLICITÀ

"Troppa realtà": è il titolo del Kilowatt Festival di quest'anno, che si è appena concluso dopo due ricche settimane di teatro, danza, musica e arte circense, oltre a convegni, dibattiti, feste e anche momenti poetici.

Il festival, che dalla tradizionale sede di San Sepolcro quest'anno ha spostato metà della programmazione a Cortona, è capostipite del circuito europeo Be SpectACTive e ha una proiezione fortemente europea e una vocazione sperimentale. Nel circuito è il pubblico a selezionare una parte della programmazione.

Introspettiva quest'anno, un po' retrospettiva se si pensa alla pièce su Matteotti, ma è anche prospettiva, un'ampia prospettiva sulle tendenze del futuro ma anche sull'interpretazione artistica della realtà. Una realtà sempre più difficile da leggere, oltre che da vivere. E il titolo fa riferimento a una famosa frase di Thomas Stearns Eliot: "Il genere umano non può reggere troppa realtà".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Al via il festival di Montona, tra impegno e informalità: "Abbiamo tutti bisogno di cinema"

Giappone, quanto la luce diventa arte: le immagini da sogno della mostra immersiva

Arte, la Grecia ricorda in una mostra la pittrice Hero Kanakakis