Traffico di antichità, in stato di fermo l'ex Direttore del Louvre

Jean-Luc Martinez, ex Direttore del Louvre
Jean-Luc Martinez, ex Direttore del Louvre Diritti d'autore AP Photo
Di Debora Gandini Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Jean-Luc Martinez è stato interrogato ed è in stato di fermo. Sospetti per traffico illecito di antichità

PUBBLICITÀ

Per anni è stato uno degli uomini più potenti al mondo ora è nelle mani della giustizia. L’ex presidente del Museo del Louvre, Jean-Luc Martinez, è stato iscritto nel registro degli indagati per "riciclaggio e complicità di truffa in banda organizzata". L'inchiesta aperta dalla giustizia francese riguarda un sospetto traffico di antichità del Vicino e Medio Oriente. Martinez ora è posto in stato di fermo.

Secondo quanto riportato da The Art Newspaper, Martinez è stato sentito dall’ufficio francese contro il traffico d’arte, l’OCBC, insieme al capo del dipartimento egiziano del Louvre, Vincent Rondot, e a Olivier Perdu, un egittologo di chiara fama. Perdu, che è stato rilasciato martedì sera senza accuse, ha spiegato di essere stato interrogato perché la Revue d’Egyptologie, rivista curata dallo stesso Perdu per la Società degli egittologi francesi, «Ha pubblicato un articolo scientifico nel 2019 sull’importanza storica di una stele che è stata venduta al Louvre Abu Dhabi». Infatti, come spesso accade in casi simili, l’indagine ha risvolti internazionali e gli inquirenti si stanno concentrando su una serie di oggetti venduti al Metropolitan Museum di New York e al Louvre di Abu Dhabi.

Una carriera prestigiosa

Archeologo e storico dell'arte, nato a Parigi nel 1964, Martinez ha diretto il Louvre per otto anni. Un anno fa, il presidente Emmanuel Macron ha tuttavia scelto Laurence des Cars, per prendere il suo posto alla guida del museo. Insediatasi a settembre, Des Cars e' la prima donna a guidare l'istituzione parigina creata nel 1793 e custode di capolavori come la Gioconda di Leonardo Da Vinci o Le Nozze di Cana di Paolo Caliari, detto Veronese, tra i massimi pittori del Rinascimento.

Nell’ultimo anno del suo mandato, Martinez ha dovuto affrontare molte controversie, tra le quali quella riguardante la Salle des Bronzes, oggetto di lavori di restauro giudicati poco rispettosi non solo della storia del luogo ma anche del grande soffitto dipinto da Cy Twombly nel 2010.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Reperti archeologici in valigia: pensionato UK rischia 15 anni in Iraq

La cella del dissidente russo Alexei Navalny si trasferisce a Parigi

Francia, il Musée Grévin di Parigi rafforza la sicurezza per gli attivisti ambientali