This content is not available in your region

Ungheria: ecco Márki-Zay, il candidato dell'opposizione anti Orbán

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Il candidato Márki-Zay
Il candidato Márki-Zay   -   Diritti d'autore  -/AFP or licensors

Il candidato a primo ministro dell'alleanza ungherese di opposizione è un nuovo attore della politica nazionale.
Péter Márki-Zay, il sindaco di Hódmezővásárhely, è salito alla ribalta nazionale nel 2018 quando ha vinto a sorpresa le elezioni suppletive della piccola città che era stata guidata dal partito Fidesz per decenni.

Non un fuoco di paglia: lo scorso ottobre, Márki-Zay ha vinto le prime elezioni primarie nella storia dell'Ungheria contro la vice presidente del Parlamento europeo, Klára Dobrev, e dopo il passo indietro del sindaco di Budapest, Gergely Karácsony.

La coalizione di opposizione in Ungheria

Márki-Zay si presenta alle elezioni senza un suo partito e con una coalizione piuttosto eterogenea che lo sostiene.
L'alleanza include il partito dell'ex primo ministro socialista Ferenc Gyurcsány, Coalizione Democratica, e Jobbik, che ha corso contro di lui come partito di estrema destra. 

Per rendere le cose più difficili, mentre il partito al governo Fidesz si definisce una forza conservatrice e di destra, e la maggior parte dei sostenitori della coalizione di opposizione tendono ad essere di sinistra e liberali, lui stesso ha opinioni nettamente di destra. 

Il profilo del candidato dell'opposizione a Orbán

È un cattolico devoto con sette figli. Anche il suo indirizzo economico è conservatore.
Al tempo stesso il candidato dell'opposizione è però molto esplicito nei suoi attacchi a Viktor Orbán sull'impatto della corruzione, sulla legislazione anti-gay e sugli uomini d'affari russi e mediorientali ammessi in Ungheria con permessi di residenza e passaporti dell'Unione europea.

La macchina propagandistica di Fidesz cerca costantemente di ritrarre Márki-Zay come una marionetta dell'ex primo ministro Ferenc Gyurcsány, nonostante il fatto che alle primarie abbia sconfitto proprio la moglie dell'ex premier, Klára Dobrev. 

In campagna elettorale, Márki-Zay è stato attaccato per la sua presunta disponibilità all'invio di soldati ungheresi a sostegno dell'Ucraina in guerra, anche se non ha fatto alcuna dichiarazione che avvalori l'accusa.