This content is not available in your region

L'Europa mediterranea chiede un'accelerazione decisionale in Europa, la crisi è grave

Access to the comments Commenti
Di Paolo Alberto Valenti  & Giorgia Orlandi
euronews_icons_loading
L'Europa mediterranea chiede un'accelerazione decisionale in Europa, la crisi è grave
Diritti d'autore  Gregorio Borgia/AP

L'Europa mediterranea ha fatto sentire la sua voce dalla romana Villa Madama in cui il presidente del Consiglio Mario Draghi ha invitato i governanti di Spagna, Portogallo e Grecia Pedro Sánchez, Antonio Costa e Kyriakos Mītsotakīs (quest'ultimo per ragioni di forza maggiore in videoconferenza) per dare una scossa alle urgenti decisioni comunitarie. Il vertice è nato comunque dall'idea dello spagnolo Sánchez di una missione a Roma per fare fronte comune con il presidente del Consiglio italiano.

L'Unione europea ha reagito con unità e determinazione all'aggressione contro l'Ucraina, adesso deve trovare la stessa unità e la stessa determinazione nell'affrontare le nostre crisi che sono tante, una è energetica, ma non è l'unica
ha commentato in conferenza stampa Mario Draghi

Tanto Draghi che il premier Sánchez ed anche Mītsotakīs e Costa nutrono notevoli preoccupazioni per l'insorgenza di possibili crisi economiche maggiori, sospinte dalla nefasta congiuntura della guerra in Ucraina. Obiettivo è mettere pressione sulla Commissione europea alla vigilia del summit che si terrà a Bruxelles il 24 e 25 marzo. La crisi energetica aggravata dalla Russia con la sua operazione bellica potrebbe scatenare vasti malumori popolari con tutto quello che ne consegue. L'Europa sta faticosamente uscendo dalla crisi pandemica che ha lasciato sul campo milioni di morti e fiaccato pesantemente l'insieme dell'economia continentale oltre ad aver evidenziato tutte le criticità sanitarie del vecchio continente davanti alla minaccia pandemica che potrebbe anche ripetersi. L'unità dei 27 davanti all'aggressione di Mosca sull'Ucarina è però il dato che spinge Roma a muovere il blocco dei paesi mediterranei per affinare gli obiettivi e rilanciare anche la sua leadership relativamente appannata.

Le sfide restano squisitamente economico-sociali e le sintonie devono essere rintracciate in fretta.

"Raggiungere un accordo preventivo: è questo l'obiettivo dell'incontro, lo ha detto il premier italiano Mario Draghi che ha anche sottolineato l'importanza delle sponda sud del continente per le forniture al resto d'Europa ma anche per il lavoro che c'è da fare di diversificazione delle fonti energetiche e sulle rinnovabili, questo per ridurre la dipendenza energetica dalla Russia": conclude la nostra corrispondente Giorgia Orlandi da Roma.