Strage Licata, suicida ha ucciso fratello, cognata e nipoti

Lite originata da motivi di interesse per alcuni terreni
Lite originata da motivi di interesse per alcuni terreni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 26 GEN - Prima ha ucciso quattro familiari, tra cui due minori di 15 e 11 anni, e poi si è suicidato l'autore della strage avvenuta in un appartamento di via Riesi a Licata. L'uomo, Angelo Tardino, 48 anni, ha ucciso con colpi di pistola il fratello, la cognata e due nipoti prima di fuggire. Braccato dei carabinieri ha deciso di togliersi la vita in una strada distante dal luogo della strage, in contrada Safarello. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, basata sulle testimonianze di alcuni vicini, la strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi. Le indagini sono coordinate dal Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: la Russia consolida le posizioni intorno ad Avdiivka

Spagna: indagato per terrorismo l'indipendentista Carles Puigdemont

Le notizie del giorno | 29 febbraio - Serale