This content is not available in your region

2021, un anno ricco di scontri per l'Unione Europea

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  AFP

Linee rosse, burocrazia e liste nere. Chiacchiere e compromessi. L'Unione Europea ha visto la sua giusta quota di stalli nel 2021.

Ecco un breve riassunto, partendo dalla Gran Bretagna.

L'anno è iniziato con il botto, e l'affare incompiuto della Brexit. Nuova burocrazia su alcune merci che entrano in Irlanda del Nord dal continente britannico ha portato a interruzioni e carenze.

La polemica sull'articolo 16 del protocollo dell'Irlanda del Nord porterebbe a tensioni tra le comunità unionisti finendo nei disordini di aprile.Entro la fine di giugno è stato concordato un cessate il fuoco sulla cosiddetta "guerre delle salsicce".

In autunno però l'UE e il Regno Unito erano sull'orlo di una guerra commerciale. Così Maros Sefcovic, vicepresidente della Commissione europea: "Non ci sono dubbi che l'attivazione dell'articolo 16 per chiedere la rinegoziazione del protocollo avrebbe gravi conseguenze".

Oltre all'articolo 16, le lotte per le licenze di pesca, E la migrazione si è aggiunta al mal di testa della Brexit.

Bruxelles e l'impero del sol Levante

Partner o rivali? Bruxelles e Pechino non sono riusciti a decidere. A marzo, l'UE ha imposto sanzioni ai funzionari cinesi per le violazioni dei diritti umani. La rappresaglia è stata rapida. La Cina ha inserito 10 persone nella lista nera, compresi i deputati europei

A novembre l'UE aveva annunciato un piano di spesa da 300 miliardi di euro. Con l'obiettivo di contrastare il programma di investimenti all'estero di Pechino: la "via della seta".

Alla fine dell'anno la Lituania ha chiesto un boicottaggio diplomatico delle Olimpiadi invernali del 2022 a Pechino.

Bruxelles e i giganti della tecnologia

Abbattere i giganti della tecnologia della Silicon Valley, è stato il compito del vicepresidente della Commissione Margrethe Vestager.

Meno di 12 mesi dopo il suo lancio Bruxelles ha concordato nuove regole per frenare i poteri delle big tech. E ritenerli responsabili per i contenuti illegali. Entro il 2022 la legge sui mercati digitali e la legge sui servizi digitali potrebbe vedere l'UE lasciare il segno come il principale regolatore tecnologico del mondo.Nel frattempo, Google ha perso il suo ricorso contro una multa di 2,4 miliardi di euro a novembre. Mostrando che le regole attuali hanno ancora un pugno.

Bruxelles e Varsavia

Diviso sui valori democratici, Bruxelles e Varsavia hanno alzato la posta nel 2021. Le battaglie sui diritti per la comunità LGBTQ in Polonia hanno portato a minacce di tagli ai finanziamenti da Bruxelles, E le regioni polacche, non il governo centrale a Varsavia, hanno battuto in ritirata.

Ma le relazioni si sono inasprite in ottobre, Quando la corte costituzionale polacca ha stabilito le leggi del paese. Che esse aveva no cioè la supremazia sul diritto europeo.

Così Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: "Questa sentenza mette in discussione i fondamenti dell'Unione Europea".

Gli ha risposto ilpremier polacco Mateusz Morawiecki: "Non permetterò a voi politici di ricattare la Polonia".A novembre, la Polonia ha ricevuto un enorme 1 milione di euro al giorno di multa per le sue controverse riforme giudiziarie, e perso miliardi di fondi per il recupero del covid.

E i drammi legali continueranno nel 2022.