This content is not available in your region

Quando una famiglia polacca è solidale e ospita un richiedente asilo afghano

Access to the comments Commenti
Di Magdalena Chodownik - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
euronews_icons_loading
Tutti insieme, per Natale.
Tutti insieme, per Natale.   -   Diritti d'autore  Euronews

Un'antica tradizione polacca è quella di lasciare un piatto vuoto a tavola per la cena di Natale.

È per un ospite inatteso, solo e affamato, che potrebbe bussare alle nostre porte proprio quel giorno. E sarà accolto, con calore.

In risposta alla crisi migratoria nell'est della Polonia, Martyna Czyżewska e suo marito hanno deciso di ospitare Shamsul, un richiedente asilo dall'Afghanistan.

Sono passati sei mesi da quando Shamsul Rakhman ha attraversato il confine polacco-bielorusso e sei settimane da quando vive con la famiglia di Martyna.

Martyna Czyżewska spiega:
"È il mio paese che non accoglie queste persone, quindi è che come se fossi io a non volerle. Mi sento responsabile di tutto questo. E sto solo cercando di fare qualcosa con le mie mani, per non sentirmi impotente".

Euronews
Martyna Czyżewska apre le porte di casa sua.Euronews

Shamsul Rakhman racconta:
"Ho lasciato il mio paese, l'Afghanistan... Troppi problemi, troppo odio, da anni...
Ho pianificato questo viaggio per i Campionati Mondiali di calcio del 2018 in Russia, poi siamo arrivati davvero in Russia, poi in Bielorussia e quindi siamo arrivati al confine con la Polonia.

Euronews
"Ho dovuto lasciare il mio paese, l'Afghanistan...".Euronews

Per più di sei mesi, migliaia di migranti hanno attraversato il confine tra Polonia e Bielorussia, pasando oltre le recinzioni metalliche, affrontando la violenza dei poliziotti di frontiera di entrambe le parti e le dure condizioniatmosferiche.
Una dozzina di migranti non ce l'ha fatta a resistere.
Shamsul si considera un fortunato.

In casa Czyżewski, il famoso "piatto vuoto" non è vuoto, quest'anno.

Bartek Czyżewski, il marito di Martyna:
"Stavamo spiegando a Shamsul com'è il Natale e quali sono le nostre tradizioni e lui dice: "Sì, è molto simile a Eid al Adha, la nostra Festa del Sacrificio. Si mangia molto e ci si incontra con la famiglia".

Euronews
Bartek Czyżewski durante l'intervista.Euronews

La corrispondente di Euronews da Varsavia, Magdalena Chodownik:
"Mentre la crisi umanitaria ai confini orientali dell'Unione europea è tuttora in corso, con migliaia di migranti ancora bloccati nel limbo in condizioni invernali da brividi, la famiglia Czyżewski è un esempio di come un cuore aperto possa riscaldare un ospite inaspettato, solo e affamato".

Euronews
La corrispondente da Varsavia.Euronews

Risorse addizionali per questo articolo • Journalist: Cristiano Tassinari