L'Unione euopea dei vertici bilaterali: dopo Macron, Draghi incontra il Cancelliere Scholz

La visita di Scholz in Italia
La visita di Scholz in Italia Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dalle regole del Patto di Stabilità alla politica estera: sono alcuni dei temi affrontati nel corso del vertice bilaterale, a Roma, tra Draghi e Scholz

PUBBLICITÀ

La forma dell'accordo è da decidere - se un trattato o un memorandum d'intesa - ma la visita a Palazzo Chigi di Olaf Scholz, Cancelliere tedesco fresco di mandato, rilancia il patto europeista tra Italia e Germania: un piano di azione da rinnovare ogni anno con un'agenda comune su politica estera, difesa e anche regole di bilancio. Una breccia per rivedere il Patto di Stabilità in senso meno restrittivo.

"Credo ci sarà un avvicinamento delle posizioni. La pandemia chiama tutti i nostri Paesi a finanziare progetti senza precedenti e imponenti. E bisognerà vedere come ci si muoverà: è un campo più semplice da affrontare di altri. Le regole che abbiamo hanno già la loro flessibilità, sulla loro base possiamo lavorare anche in futuro". ha detto Scholz in conferenza stampa con il premier Mario Draghi.

"È molto importante per noi compiere grandi progressi in Europa - ha aggiunto il Cancelliere - Abbiamo bisogno di un'Unione forte e migliore. E questo deve essere e sarà discusso. I nostri due Paesi sono fondamentali per avere successo. Ecco perché affronteremo anche tutte le questioni importanti per il futuro dell'Europa".

Draghi ha sottolineato l'importanza di superare, come suggerito da Scholz, la "regola dell'unanimità" per alcuni temi sensibili su cui gli Stati membri votano all'unanimità: una dichiarazione politica che sposta il centro di gravità delle decisioni verso i sempre più frequenti accordi bilaterali.

Ha rimarcato Mario Draghi: "(In particolare sulla politica estera, l'unanimità è diventata veramente un ostacolo alla capacità d'azione dell'Ue. Ecco perché il Cancelliere ha giustamente detto che dobbiamo andare oltre l'unanimità, ma trovare un accordo, sempre".

È certamente significativo che, tra i suoi primi viaggi internazionali, il Cancelliere tedesco Scholz abbia deciso di venire a Roma per incontrare il primo ministro Draghi.

Una visita che arriva a poca distanza da quella del presidente francese Macron, venuto in Italia per firmare il Trattato del Quirinale, un modo per rafforzare i rapporti tra Francia e Italia.

Un percorso adottato anche da Berlino, che consolida l'asse - non sempre fermo - con Roma.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Anche Draghi condanna le azioni della Russia

Il nuovo cancelliere tedesco Olaf Scholz visita Bruxelles

Incontro Macron - Scholz all'Eliseo