This content is not available in your region

Belgio: sempre meno persone alle proteste

Access to the comments Commenti
Di Pedro Sacadura
euronews_icons_loading
Belgio: sempre meno persone alle proteste
Diritti d'autore  Euronews

La vita sta diventando molto dura per tanti cittadini belgi e questo richiede un cambiamento. È quanto affermano i manifestanti scesi in piazza a Bruxelles... Hanno aderito ai sindacati chiedono una giornata nazionale di protesta. Contro la stagnazione salariale e l'inflazione, che stanno schiacciando il potere d'acquisto di molte persone.

Dice una donna: "Ogni giorno devo scegliere tra pagare il carburante per andare al lavoro, sfamare la mia famiglia o pagare per riscaldare la mia famiglia, specialmente durante l'inverno. (...) Sono qui perché abbiamo bisogno di libertà sindacali, abbiamo bisogno di trattative . Dobbiamo far andare avanti le cose. Le persone stanno per morire a causa della precarietà. Tutto sta aumentando a parte i nostri stipendi".

Un uomo aggiunge: "Siamo davvero esasperati per gli attacchi contro le libertà sindacali in Belgio. 17 dei nostri compagni sono stati condannati a causa di attività sindacali. Siamo veramente mobilitati contro questi attacchi sindacali".

Fra chi protestava a c'era Thierry Bodson, presidente del sindacato FGTB, che guida la manifestazione con il sindacato cristiano CSC. È stato condannato per aver bloccato un viadotto a Liegi cinque anni fa: "Di questi tempi, il semplice fatto di partecipare a uno sciopero, o di bloccare la circolazione, secondo la legge, è sufficiente per essere condannati con la condizionale".

Sotto l'occhio vigile della polizia la protesta ha riunito professionisti di ogni ceto sociale, ma non è stata un successo Meno di 8000 persone secondo la polizia. I manifestantiperò hanno creato molto traffico e interruzioni del trasporto pubblico.