This content is not available in your region

La Polonia è il nuovo malato europeo?

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe  & Alberto de Filippis
euronews_icons_loading
La Polonia è il nuovo malato europeo?
Diritti d'autore  Olivier Hoslet/EPA

È un'esperienza che potreste aver conosciuto: in un appartamento in affitto, c'è un vicino che esaspera gli altri inquilini rifiutando di accettare le regole comuni e crede di aver diritto a un trattamento speciale. Cosa fare? Gli altri come possono evitare mal di pancia? Multe? Pressioni? O solo un rimprovero è sufficiente?

Sono le domande a cui l'Unione europea vuole rispondere prima possibile. Il cattivo vicino è la Polonia.

Il Paese è accusato di minare i principi democratici dell'unione e, più recentemente, rifiuta l'idea che il diritto europeo abbia la supremazia sul diritto nazionale.

In un acceso dibattito al Parlamento europeo questa settimana, il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, si è innervosito: "Non è accettabile usare ricatti finanziari, parlare di sanzioni o usare un linguaggio che va anche oltre, contro alcuni paesi membri. Respingo questo linguaggio di minacce e coercizione", ha detto.

Il governo conservatore polacco è in uno scontro serrato con la Commissione UE che, per legge, è custode dei trattati europei.

A differenza del Regno Unito, la recalcitrante Polonia non vuole lasciare l'Unione, cosa che rende la questione più complicata.

Eppure Bruxelles è determinata a tenere a freno la Polonia. Se il Paese non rispetta lo Stato di diritto, la democrazia europea è a rischio.

Così Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: "Lo Stato di diritto è il collante che unisce la nostra Unione. È il fondamento della nostra unità. È essenziale per la tutela dei valori su cui si fonda la nostra Unione. (…) Ed è quello a cui hanno aderito tutti i 27 Stati membri come parte di questa Unione, come paesi sovrani e da persone libere.

Cerchiamo di essere chiari: da quando il Partito nazionalista Legge e Giustizia sotto il suo leader Jaroslav Kaczynski è salito al potere nel 2015, esso si è opposto alla democrazia liberale, ha minato le procedure parlamentari e ha riempito la Corte Costituzionale di sostenitori irriducibili.

Soprattutto la controversa riforma giudiziaria ha causato grossi grattacapi a Bruxelles e Lussemburgo, poiché è vista come una minaccia diretta all'indipendenza della magistratura, uno dei pilastri della democrazia europea.

Ed è per questo che abbiamo visto Ursula von der Leyen molto agitata.

Per comprendere meglio gli ultimi sviluppi, abbiamo sentito l'ex primo ministro Marek Belka, ora membro del Parlamento europeo per i socialdemocratici.

Alberto De Filippis gli ha parlato a Strasburgo, dopo l'intervento del premier Moraviecki in difesa della sua politica.

Marek Belka: Prima di tutto, Mateusz Morawiecki non stava parlando al Parlamento europeo. Non parlava nemmeno al pubblico polacco. Stava parlando con il suo capo. E questo capo è Jaroslav Kaczynski. In secondo luogo, ovviamente, non è mai arrivato al punto. Per quanto riguarda i principali problemi con la magistratura polacca. Parla del modo in cui è organizzata la magistratura polacca, che in effetti è la parte dell'autorità polacca. Ma si tratta dell'indipendenza della magistratura:

Alberto de Filippis: Come dovrebbe agire ora la Commissione? Dovrebbe tagliare i fondi o cercare di trovare un dialogo?

Marek Belka: Beh, non credo che il dialogo o un serio dialogo nazionale sia ora opportuno perché il governo polacco, in particolare le parti più estremiste del governo polacco e le alte autorità nazionali, non sono interessate al dialogo, sono interessate a sequestrare il sistema giudiziario polacco, la legge costituzionale polacca e a rompere sostanzialmente i legami che legano la Polonia con l'aquis communautaire europeo, con il diritto europeo.

Alberto de Filippis: Economicamente o politicamente parlando, pensa che ci sia un terreno per il dialogo tra Morawiecki e l'Europa?

Marek Belka: Beh, non voglio fare speculazioni. Ma Mateusz Morawiecki è un uomo pratico. È un giovane pragmatico. Si tratta di prendere decisioni. Dopotutto, quando sei primo ministro, devi prendere milioni di decisioni e lui sa quanto sia importante l'Unione europea per la Polonia. Tuttavia, ci sono personalità estreme nel governo, come il ministro della Giustizia, Zbigniew Ziobro, che vuole consapevolmente far uscire la Polonia dall'Unione Europea. Quindi, sono piuttosto scettico perché questa parte più estrema del governo polacco e le élite polacche hanno tolto dal governo polacco le persone più pragmatiche e più moderate.

Come ha affermato giovedì il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, “democrazia, libertà e Stato di diritto non sono oggetto di negoziati”.

Cambiamo argomento adesso.

L'eruzione del vulcano Cumbre Vieja sull'isola spagnola di La Palma non accenna a fermarsi. Questa settimana, sono stati visti enormi blocchi piroclastici galleggiare su di un fiume di lava bollente.

Il fiume si è avvicinato - e successivamente ha distrutto - una stazione di servizio che era stata svuotata in anticipo di carburante e acqua.

Alcuni chilometri più indietro, circa 500 persone sono state costrette ad evacuare di notte a causa della vicinanza della colata lavica, portando il totale delle persone evacuate a 7.500 dall'inizio dell'eruzione del vulcano più di un mese fa.