This content is not available in your region

Il voto ai ballottaggi e il patto di rappresentanza: dove va l'Italia

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Ballottaggi
Ballottaggi   -   Diritti d'autore  Euronews

Le larghe intese al governo hanno sfilacciato il patto di rappresentanza. Il ''tutti insieme'' a Palazzo Chigi ha prodotto un risultato incongruo ai ballottaggi. Tradotto, in tre spunti: disaffezione degli elettori (43,9% l'affluenza al voto), vittoria del centrosinistra nelle maggiori città, la destra di Fratelli d'Italia - unica opposizione a Draghi - ancora il primo partito nelle intenzioni di voto a livello nazionale, secondo il sondaggio SWG.

Ma le amministrative virano a sinistra: Milano, Bologna e Napoli già al primo turno, a cui si aggiungono - nel bouquet progressista - Torino con il 59,21% dei consensi, incassato da Stefano Lo Russo e Roma, che elegge Roberto Gualtieri con il 60,15% ma con poco più del 40 per cento degli elettori alle urne.

Resta al centrodestra Trieste, unica delle sei città capoluogo di Regione al voto in questo turno. Il sindaco uscente Roberto Dipiazza è stato rieletto con il 51,29% dei consensi. Una poltrona difficile nel momento in cui l'opposizione alle misure del governo trova soprattutto sfogo nella piazza, o meglio al porto con l'accesa protesta dei lavoratori contro il Green pass obbligatorio.

Il segretario del Pd, Enrico Letta, parla di "vittoria trionfale" mentre, per il centrodestra sconfitto, il leader della Lega, Matteo Salvini opta per una lettura che mostri la buona performance della coalizione in termini numerici. La presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: "Quando un pezzo dell'alleanza sta al governo con Pd e 5 Stelle - dice - presentarsi come una alternativa nelle grandi città è difficile".

Tra i dati evidenti, emerge la sconfitta del Movimento 5 Stelle, che il leader - nonché ex premier Giuseppe Conte - imputa all'astensionismo.