This content is not available in your region

Talebani no Vax, l'Afghanistan rischia un aumento dei casi di Covid

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Un uomo si fa vaccinare a Kabul, in una foto del giugno 2021, prima dell'arrivo dei talebani
Un uomo si fa vaccinare a Kabul, in una foto del giugno 2021, prima dell'arrivo dei talebani   -   Diritti d'autore  Rahmat Gul/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

Come se non bastasse il caos creato dalla presa di potere dei talebani, l'Afghanistan rischia di trovarsi di fronte a un'altra piaga d'affrontare: quella del Covid. Gli studenti coranici hanno già imposto un divieto sui vaccini in alcune zone e il timore che lo dichiarino illegale in tutto il Paese fa paura all'Organizzazione Mondiale della Sanità e non solo. Se si registrasse un'impennata dei casi gravi, l'Afghanistan non sarebbe pronto.

"Volevo fare un test PCR perché avevo mal di gola, febbre e brividi", racconta un uomo. "Ma i talebani hanno chiuso tutti i centri medici e li usano solo per i loro soldati. La medicina e il settore sanitario sono morti dopo il loro arrivo. I miei amici che hanno lasciato il Paese non hanno fatto un tampone prima dell'evacuazione. Questo è davvero rischioso per gli altri. Dobbiamo garantire la nostra salute e quella della nostra famiglia".

"Io sto aspettando il risultato, negativo o positivo. Ma la gente per le strade e specialmente ora, in questa situazione di crisi, non indossa mascherine. La gente ha più paura dei talebani che del virus. Questo è un grande rischio. I casi sono tanti e non c'è controllo", spiega un altro.

L'ex capo della sanità pubblica afghana ha avvertito che, senza l'aiuto di governi e organizzazioni internazionali, questa potrebbe trasformarsi in una catastrofe umanitaria. E ovviamente il problema potrebbe raggiungere anche l'Occidente, dove è attesa un'ondata di migranti afghani in fuga dal loro Paese. 

Già in passato, i talebani avevano espresso disappunto nei confronti dei vaccini, opponendosi ad esempio alla vaccinazione contro la poliomielite. Quest'opposizione ai vaccini ha anche ragioni religiose: in molti sieri, infatti, vengono utilizzati componenti derivati dal maiale e quindi vietati dal Corano.