ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Migrazioni: 30 anni fa la nave Vlora carica di albanesi in fuga

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
1991 - Vlora: a bordo 18mila albanesi
1991 - Vlora: a bordo 18mila albanesi   -   Diritti d'autore  TeleBari
Dimensioni di testo Aa Aa

È un fil rouge, quello delle migrazioni, che in Italia è lungo 30 anni e parte dalla Vlora, l'imbarcazione che nel 1991 rivelò al Paese di non essere solo terra di migranti.

Ieri e oggi, il fil rouge delle migrazioni in Italia

Allora, nel 1991, due anni dopo la caduta del Muro di Berlino, 18mila albanesi in fuga dal regime presero d'assalto la Vlora nel porto di Durazzo e la dirottarono in Italia.
Oggi, in poco più di 24 ore, l'Ocean Viking ha sbarcato 550 persone.

Ma, più in generale, nei primi sette mesi del 2021 sono arrivati in Italia quasi 29mila migranti, un aumento del 107% rispetto allo stesso periodo del 2020.

Lo spartiacque è quello che ci riporta allo scalo di Brindisi, 30 anni fa, per l'esodo albanese.

La testimonianza di una passeggera della nave Vlora

Eva Karafili era una passeggera della Vlora. Ha viaggiato con suo marito alla volta della 'terra promessa Italia'. Dice di non rimpiangere nulla. Ha la cittadinanza italiana, come sua figlia.

Ammette di aver dovuto combattere i pregiudizi e dimostrare di essere una gran lavoratrice, ma oggi si sente pienamente integrata nella società italiana.

Ricorda così quella prova di forza disperata a bordo della Vlora: "L'Albania stava davvero andando alla deriva. Abbiamo spaventato l'Europa con questa grande nave, come per dire 'O ci aiutate o questo sarà quello che vi aspetta'. Cosa mi torna in mente di quel giorno? Sicuramente la folla enorme, la nave carica di gente, il caldo, ma più che il caldo ricordo la puzza. Era pieno di gente".

Una comunità integrata

L'immigrazione era un fenomeno relativamente nuovo, in Italia, soprattutto all'inizio degli anni '90, quando fu approvata la legge Martelli, che si proponeva in ogni caso di regolare i flussi migratori.
Inizialmente, però, il Paese non aveva fatto strenua opposizione all'arrivo degli stranieri. Almeno sino all'evento traumatico, con il caso Vlora, gli albanesi stipati nello stadio della Vittoria e, in seguito, in buona parte rimpatriati.

Attualmente in Italia gli albanesi sono circa 420mila, perfettamente integrati nel tessuto produttivo e sociale del Paese.