ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dietrofront da record: perché la Francia ha ripreso le operazioni in Mali a un mese dall'abbandono

Access to the comments Commenti
Di Sandrine Amiel
I soldati della forza francese Barkhane che hanno concluso un turno di quattro mesi nel Sahel lasciano la loro base a Gao, in Mali, mercoledì 9 giugno 2021.
I soldati della forza francese Barkhane che hanno concluso un turno di quattro mesi nel Sahel lasciano la loro base a Gao, in Mali, mercoledì 9 giugno 2021.   -   Diritti d'autore  Jerome Delay/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Si tratta, dal punto di vista geopolitico, di uno dei dietro front più bruschi della storia.

È durata un mese appena la decisione della Francia di sospendere, lo scorso 3 giugno, le operazioni militari congiunte con le truppe del Mali.

Ma il congelamento della cooperazione militare con lo Stato dell'Africa occidentale è durato, per l'appunto, 30 giorni, prima che Parigi ammettesse apertamente il suo ripensamento, annunciando di voler fare pressione sulla giunta militare di Bamako, insediatasi dopo il golpe dello scorso maggio, perché fosse ripristinato un governo a guida civile.

"In seguito alle consultazioni con le autorità di transizione del Mali e i paesi della regione, la Francia ha deciso di riprendere le operazioni militari congiunte e le missioni consultive nazionali, sospese dal 3 giugno", ha dichiarato il ministero della Difesa francese in una nota, citando la minaccia terroristica come motivazione.

L'inversione arriva mentre Parigi si prepara a ridurre nei prossimi mesi la presenza di soldati sul campo, che oggi sono all'incirca 5mila.

Il mese scorso il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato ufficialmente la fine dell'operazione Barkhane, una missione di sette anni contro i gruppi jihadisti legati ad al-Qaeda e quelli che operano sotto la bandiera del gruppo dello Stato islamico nel Sahel.

La Francia invece intensificherà il suo coinvolgimento nella task force europea, Takuba.

Situazione esplosiva

Il cambiamento avviene nel mezzo di un peggioramento della crisi politica e di sicurezza nella regione. Quello di maggio è stato il secondo colpo di stato in meno di un anno in Mali

I recenti attacchi in Burkina Faso e Niger hanno inoltre suscitato la preoccupazione che la ridotta presenza della Francia creerà un vuoto che andrà a beneficio dei gruppi jihadisti.

Di seguito, quindi, cerchiamo di comprendere le ragioni per cui la Francia ha fatto marcia indietro e ha ripreso l'operazione militare congiunta con Bamako, anche se il governo civile non è stato ancora ripristinato nel paese, oltre alle implicazioni di questa scelta per la lotta al terrorismo nel Sahel.

"Poche altre opzioni"

Michel Goya, storico militare ed ex colonnello della marina francese, ha detto a Euronews che il capovolgimento della Francia è stato un "passo logico" considerando che Parigi aveva "poche altre opzioni".

La sospensione della cooperazione militare con Bamako "non poteva andare avanti per sempre", ha detto a Euronews. "Non era possibile, era solo un atto politico. Era necessario che il presidente Macron mostrasse la sua disapprovazione per il corso degli eventi a Bamako", ma era un gesto "soprattutto simbolico".

"A un certo punto, dovevamo tornare in contatto con le forze armate maliane", ha sottolineato.

Goya osserva come il governo francese ha annunciato di aver ottenuto "garanzie" da Bamako ma i dettagli in merito non sono stati resi noti.

"Sono garanzie su ciò che il governo è disposto ad accettare nei negoziati con i jihadisti? Non lo sappiamo, sono solo speculazioni", ha detto.

"Tattiche irregolari"

Caroline Roussy, ricercatrice presso l'Istituto di relazioni internazionali e strategiche (IRIS), ha detto a Euronews che il dietrofront della Francia sulla sua cooperazione con le forze maliane "ha dato l'impressione di una tattica irregolare".

"Non è chiaro dove si stia andando", ha detto.

Roussy ha osservato che, nonostante l'imminente fine di Barkhane, le forze francesi in Mali "stranamente" sembravano essere attualmente "molto attive" con l'esercito francese, che trasmette comunicazioni quotidiane sulle sue operazioni.

Jerome Delay/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
I soldati della forza francese Barkhane che hanno concluso un turno di quattro mesi nel Sahel lasciano la loro base a Gao, in Mali, mercoledì 9 giugno 2021.Jerome Delay/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

Naturalmente, ha detto a Euronews, la fine di Barkhane "è prevista per gennaio 2022, quindi possiamo immaginare che i 5.100 soldati non rimarranno lì senza far nulla fino ad allora".

"È l'ultima grande spinta prima della fine?" si è chiesta, notando che il governo francese probabilmente vuole mostrare i risultati in Mali prima delle elezioni presidenziali del 2022.

Roussy ha anche accennato la possibilità che la mossa della Francia possa essere un messaggio diretto ad altre potenze mondiali, tentate di espandere la loro influenza nel Sahel mentre Parigi riduce le sue truppe.

In un editoriale per Euronews, l'analista politico francese Nicolas Tenzer ha scritto che le politiche della Francia in Mali sono state plasmate dalla "necessità di contrastare l'influenza strisciante della Russia nel Sahel".

Il fattore Russia potrebbe in parte spiegare le politiche divergenti della Francia in Ciad e Mali | Visualizza

Mobilitare altri paesi europei

Il contingente Takuba attualmente comprende 600 soldati in Mali. Mentre la metà sono francesi, la task force internazionale fa affidamento anche su soldati estoni, cechi, svedesi e italiani. Anche la Romania si è impegnata a contribuire.

"La vera novità con Takuba - ha detto Goya a Euronews - è che queste unità possono essere inviate a combattere, una vera rivoluzione per l'Europa". Ma come tutte le missioni europee, ha aggiunto, anche questa è complessa da implementare. "Ci vuole sempre molto tempo, o comunque più che se lo facessimo da soli", ha detto.

Roussy ha affermato che la forza europea Takuba che avrebbe dovuto subentrare a Barkhane stava affrontando "difficoltà", con la Francia che lottava per mobilitare i suoi partner europei.

Molti altri paesi dell'UE hanno sistemi politici che non consentono l'ingaggio di truppe militari all'estero con la stessa facilità con cui si trovano in Francia, pur affrontando opinioni pubbliche riluttanti, ha osservato Roussy.

In questo contesto, centinaia di truppe maliane dovrebbero integrarsi in Takuba, un'altra "stranezza" per quella che doveva essere una forza europea, ha sottolineato l'esperto.

Risultati contrastanti

Secondo Goya, il lancio dell'operazione Barkhane è stato "un errore".

"Ero uno di quelli che pensavano che dopo il successo dell'operazione Serval, dovessimo ritirarci piuttosto che rimanere in mezzo ai problemi", ha detto Goya a Euronews.

Serval è stato lanciato nel 2013 quando le truppe francesi sono intervenute per costringere i ribelli jihadisti a lasciare il potere nelle città del nord del Mali.

L'operazione è stata successivamente sostituita da Barkhane ed è stata ampliata per includere Ciad, Niger, Burkina Faso e Mauritania.

"È stato un errore, prima di tutto perché non sono state investite le risorse necessarie", ha detto Goya. "Questa missione, il cui obiettivo consisteva nell'esercitare una pressione sul nemico, richiedeva mezzi sostanziali e la prima cosa che abbiamo fatto invece è stata ridurre tutte le nostre forze nel Sahel".

Un altro problema è che l'atteso "cambio della guardia dalle truppe maliane non è mai arrivato", ha detto a Euronews lo storico militare, indicando problemi strutturali di addestramento e corruzione.

Dopo aver raggiunto una "situazione disastrosa" nel 2019, la Francia ha potenziato le sue truppe e le sue risorse utilizzando nuove tattiche, come i droni armati.

Il cambio di metodo ha pagato, secondo Goya. "Siamo passati da 20 combattenti nemici eliminati ogni mese a circa un centinaio", tornando agli stessi livelli osservati durante la riuscita operazione Serval.

"Quindi militarmente, stiamo andando meglio", ha detto l'esperto a Euronews. "Il problema è che ciò sta avvenendo troppo tardi".

"Lunedì entreremo nel nostro ottavo anno di impegno, quindi stiamo iniziando a raggiungere una durata record per una campagna militare francese".

"Stiamo, molto semplicemente, arrivando ai limiti di ciò che l'opinione pubblica è in grado di accettare, molto semplicemente".

Goya osserva che i sondaggi di opinione condotti l'anno scorso hanno mostrato che una piccola maggioranza dei francesi è contraria a mantenere le truppe a terra in Mali.

Guardando avanti

Parlando dell'imminente fine di Barkhane, venerdì il ministro della Difesa Parly ha dichiarato: "Questa trasformazione non significa che lasceremo il Sahel, né che rallenterà le nostre operazioni di antiterrorismo" nella regione.

"Noi europei abbiamo la responsabilità collettiva di proteggere il fianco meridionale dell'Europa. È essenziale non permettere al Sahel e più in generale all'Africa di diventare un rifugio e un'area di espansione per questi gruppi terroristici", ha aggiunto.

La Francia potrebbe voler continuare a intervenire nel Sahel da altri paesi, hanno detto Roussy e Goya a Euronews, citando il Niger come una possibilità.

"L'80% delle nostre perdite umane sono in Mali", ha detto Goya, "quindi l'idea è di ritirarci dall'area in cui i rischi sono maggiori per noi".

"Anche se lasciamo il Mali, siamo in grado di tornare lì in due giorni", se necessario, ha detto Goya a Euronews, citando l'operazione Serval del 2013 come precedente. "Abbiamo schierato un battaglione in due giorni e una brigata in una settimana".