ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bosnia-Erzegovina, i dubbi di un allargamento perenne

Di Euronews
euronews_icons_loading
Bosnia-Erzegovina, i dubbi di un allargamento perenne
Diritti d'autore  PASCAL ROSSIGNOL/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

I leader dell'Unione Europea e della Bosnia-Erzegovina si sono incontrati a Bruxelles per valutare la disponibilità del Paese ad entrare un giorno nell'Unione Europea.

I colloqui si sono svolti sullo sfondo del crescente scetticismo in Europa su di un ulteriore allargamento, una nota diplomatica non ufficiale dell'UE di aprile ha sollevato peraltro dubbi in Bosnia sull'impegno di Bruxelles.

Nonostante le assicurazioni che il blocco si sarebbe attenuto alla prospettiva dell'Unione europea del paese, il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell ha ricordato al governo di Sarajevo che la Bosnia ha ancora molti compiti da fare.

Josep Borrell, capo della politica estera dell'UE: "Incoraggio la Bosnia Erzegovina a intensificare il suo allineamento con le decisioni comuni (UE) in materia di politica estera e di sicurezza. (...) E devo rammaricarmi che il tasso di allineamento sia diminuito nei primi mesi di quest'anno. Questo è certamente non in linea con le aspirazioni a diventare un Paese candidato all'Unione Europea”.

Secondo molti osservatori, la Bosnia-Erzegovina è stata lenta nell'attuazione delle riforme necessarie: riforme elettorali, stato di diritto e fine della glorificazione dei criminali di guerra condannati.

Per alcuni analisti, la prospettiva dell'adesione della Bosnia Erzegovina all'unione europea è quanto mai remota.

Così Nedzma Dzananovic, politologo dell'Università di Sarajevo: "Morte cerebrale, in coma, catatonico, qualunque sia il termine o la frase che usiamo, anche se usiamo degli eufemismi, è abbastanza chiaro che il processo iniziato più di due decenni fa è in profonda crisi e non ha prodotto i risultati che richiedevamo. ( ...) È necessario ripensare il processo, rilanciare il processo in modo significativo e dare un resoconto onesto di ciò che l'Unione europea può offrire".

Dzananovic avverte che un ulteriore ritardo dei colloqui di adesione sarà dannoso per la regione e farà solo il gioco delle ambizioni russe e cinesi.