ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Le notizie più importanti della settimana da Bruxelles

Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
Le notizie più importanti della settimana da Bruxelles
Diritti d'autore  CHRISTIAN HARTMANN/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre gli europei passano alla modalità vacanze estive, le notizie da qui sono state piuttosto incoraggianti questa settimana.

La ripresa economica sembra continuare e la Commissione UE prevede ancora di raggiungere l'obiettivo di vaccinare il 70% degli adulti nel corso di luglio.

Politicamente, non è stata una luna di miele per il nuovo semestre di presidenza slovena dell'UE.

Il governo di Jansa è accusato di violazione della libertà di stampa, di manomissione dell'indipendenza della magistratura e di mancanza di collaborazione con la nuova Procura europea, il cui compito è indagare sull'uso improprio dei fondi europei.

A guidare il governo sloveno c'è proprio Janez Jansa, un uomo già condannato al carcere con l'accusa di corruzione e che crede che Trump abbia vinto le ultime elezioni presidenziali statunitensi.

Questa settimana, il Parlamento europeo ha discusso il programma della presidenza slovena e Jansa è stato criticato.

Ad esempio da Ska Keller, leader dei Verdi: “Campagne diffamatorie e intimidazioni ai media liberi, alla società civile e alla ricerca di capri espiatori. Non sono questi gli atti che ci aspettiamo da un governo europeo».

Ha aggiunto Sophie In 't Veld di Renew Europe: "Gli attacchi ai giornalisti dei media liberi, le pressioni sulla magistratura e le tue interferenze nella nomina di un pubblico ministero presso l'EPPO sono intollerabili".

Manfred Weber, presidente gruppo PPE: “Voglio essere molto chiaro. Qualsiasi problema relativo allo stato di diritto non è un affare interno di uno Stato membro è un problema per tutti gli europei».

Slovenia resta un problema per tutti gli europei.

Con la presidenza europea arrivano più controllo e responsabilità per il paese, sicuramente una nuova esperienza per il primo ministro Jansa.

Lui in una conferenza stampa dopo il dibattito a Strasburgo, non sembrava aver colto il messaggio.

Per lui, esaminare la situazione dello stato di diritto in Slovenia è una perdita di tempo.

Dice Janez Jansa, primo ministro sloveno: "Sostengo pienamente lo stato di diritto. Ma ci sono altri problemi, ad esempio in Bielorussia ci sono 400 prigionieri politici che stanno morendo e anche loro meritano il nostro sostegno. Quindi, ci sono molti, molti altri problemi che sono incommensurabilmente più rilevanti del uno su cui ora stiamo perdendo tempo".

Jansa è uno stretto alleato del primo ministro ungherese Viktor Orban, il che ha un senso...

Orban è stato recentemente oggetto di pesanti critiche per la controversa legge LGBT del suo paese che frena l'educazione sessuale in un modo che stigmatizza brutalmente l'omosessualità.

Orban ha disprezzato i valori dell'UE per anni, ma questa volta potrebbe essersi spinto troppo oltre.

Insieme a noi ora c'è una scrittrice, una specialista in affari europei e professoressa presso il College of Europe, Shada Islam, benvenuta nel programma.

Euronews: "Aveva ragione il primo ministro olandese Rutte quando all'ultimo vertice ha detto a Viktor Orban di lasciare l'UE, se non condivideva i valori europei?"

Shada Islam: "Beh, è ​​stato piuttosto duro e molto severo nei suoi commenti. Ma penso che molte persone la pensino così, Stefan. Se davvero non sei vincolato alla comunità dei valori, questo percorso comune che tutti dicono che l'UE ha intrapreso e che sta cercando di costruire, dovresti davvero prendere una decisione: dentro o fuori. Ma posso anche capire che per il momento, questo è piuttosto, diciamo, impegnativo per diversi paesi come alcuni Stati membri dell'Europa orientale e centro-orientale. Quindi, penso che questo sia stato un buon avvertimento, e così Mark Rutte ha detto quello che molte persone pensano".

Euronews: "Questa "Unione europea dei valori comuni": è diventata una chimera, un'illusione una volta ammessi i paesi illiberali dell'Est europeo?"

Shada Islam: "Il fatto è che questo non sta accadendo solo nelle cosiddette democrazie illiberali dell'Europa centrale e orientale, la comunità di valori, che dovrebbe unire l'unione viene messa in discussione anche nell'Europa occidentale, nelle cosiddette democrazie liberali . Ci sono un sacco di violazioni in corso, Stefan, e non credo che dovremmo impegnarci in un'indignazione selettiva. Dovremmo essere ugualmente, arrabbiati e anche essere altrettanto espliciti nel denunciare le violazioni dei diritti umani, le violazioni dello stato di diritto, la discriminazione, il razzismo, la xenofobia in atto anche nella parte occidentale dell'Europa".

Euronews: "Questi paesi possono essere istruiti ed è compito degli altri Stati membri farlo?"

Shada Islam: "Il fatto è che non si tratta solo del paese. Penso che dobbiamo fare la differenza tra i governi e le persone. Quello che abbiamo in questo momento, Stefan, sono governi che stanno effettivamente violando i nostri principi fondamentali. Quindi c'è una disconnessione tra le persone e alcuni di questi governi, ed è qualcosa di cui dobbiamo tenere conto. Non puoi condannare intere popolazioni. Se possono essere educati? Penso che debba essere un processo interno, penso che dobbiamo continuare a impegnarci. Gli avvertumimenti come quello lanciato da Rutte l'altro giorno sono un buon segnale per il governo, ma dovrebbero fare la differenza tra la gente e alcuni di questi governi piuttosto cattivi."

Euronews: "Dovrebbe esserci un meccanismo per estromettere gli stati membri che disprezzano lo stato di diritto, i diritti delle minoranze e le libertà di stampa e accademiche?"

Shada Islam: "Il fatto è che quando è stata creata l'UE non abbiamo mai pensato di dover espellere qualcuno. Penso che sia difficile pensare all'allargamento in questa fase, perché non abbiamo un meccanismo del genere, qualcosa su cui dovremmo davvero lavorare. E penso che dovrebbe esserci una specie di sala d'attesa in cui entrare e una specie di, sala d'attesa, in cui mettere i paesi che non stanno davvero rispettando le regole. Un posto dove questi paesi possono essere messi finché non tornano in sé . Possono ad esempio non avere accesso ai fondi dell'UE o non partecipare a ogni singola riunione dei leader dell'UE."

Terminiamo con le immagini della Danimarca. Nel caso non sapeste cosa fare durante la vostra prossima vacanza in spiaggia. Che ne dite di costruire un castello di sabbia?

Questo è alto 21 metri e 16 centimetri e ha stabilito l'ultimo Guinness dei primati.

Non voglio scoraggiarvi, ma avreste bisogno di quasi 5.000 tonnellate di sabbia e un po' di aiuto 30 dei più talentuosi scultori di sabbia hanno lavorato su questo.