ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Fioccano le truffe dei falsi certificati di vaccinazione anti covid

Di Alberto De Filippis  & Euronews
euronews_icons_loading
Fioccano le truffe dei falsi certificati di vaccinazione anti covid
Diritti d'autore  PAU BARRENA/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Non sono passati nemmeno 10 giorni dal lancio ufficiale del certificato digitale europeo anticovid e già le organizzazioni criminali si offrono di vendere certificati falsi.

In Italia la polizia ha smantellato 10 diverse organizzazioni sul servizio di messaggistica Telegram collegato ad account anonimi sui mecati del cosiddetto dark web, attraverso il quale era possibile contattare i venditori, che richiedevano il pagamento in criptovaluta. Tali elenchi possono essere offerte reali, ma anche tentativi di truffa.

Così Gian Luca Berruti, capo del Nucleo cyber-frode della Guardia di Finanza di Milano: "Attraverso internet e attraverso questi canali si possono vendere cose ovunque nel mondo. La cosa bella è che nell'offerta si diceva che questi passaporti falsi e questi vaccini erano disponibili non solo in Europa, ma anche in altri paesi, ad esempio in Svizzera, nel Regno Unito, negli Stati Uniti, e abbiamo trovato anche la Nuova Zelanda e paesi lontani".

I prezzi variavano da 100 a 150 euro, a seconda del pacchetto. Alcune offerte includevano solo un pass falso con una dose di vaccino!

Si erano registrati circa 250.000 utenti e un centinaio ha provato a interagire con i venditori. Alcuni acquirenti provenivano da paesi extra UE.

Gian Luca Berruti, capo del Nucleo cyber-frode della Guardia di Finanza di Milano: "Ciò comporta anche grosse responsabilità per chi lo vende, ma anche per chi sta cercando di utilizzare queste false certificazioni".

Europol ha spiegato a Euronews che durante la pandemia i criminali si sono dimostrati molto adattabili alle nuove situazioni, come è successo prima quando falsificavano i test COVID-19 certificati.

Europol sta inoltre sostenendo le autorità di contrasto in tutta l'UE per combattere i crimini legati al COVID-19 in operazioni di alto profilo, compresa una serie di azioni contro criminali informatici, contraffattori e truffatori.

Un problema internazionale

Secondo le forze dell'ordine dell'Unione Europea, dati i mezzi tecnologici diffusi a disposizione, sotto forma di stampanti di alta qualità e diversi software, i truffatori sono in grado di produrre documenti falsi di alta qualità.