ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ursula von der Leyen: "La legge anti-Lgbt è una vergogna". Dall'Ue nessun compromesso

Di Euronews
euronews_icons_loading
Ursula von der Leyen: "La legge anti-Lgbt è una vergogna". Dall'Ue nessun compromesso
Diritti d'autore  AP Photo/Michael Sohn, Pool
Dimensioni di testo Aa Aa

Una condanna forte e chiara arriva dall’Unione europea a proposito della legge ungherese anti-LGBT. E’ una vergogna, tuona la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, un disegno di legge discriminatorio” che “va contro ogni valore fondamentale dell’Europa ossia la dignità, l’uguaglianza, i diritti umani fondamentali”.

La von der Leyen ha fatto sapere di aver incaricato i suoi commissari responsabili di scrivere una lettera alle autorità di Budapest esprimendo le preoccupazioni legali prima che la legge entri in vigore”. Le parole della presidente arrivano dopo la condanna, con una dichiarazione congiunta firmata da 14 paesi dell’Unione europea, Italia inclusa, della norma ungherese. La legge anti-LGBT vieta in Ungheria vieta film e libri con contenuti gay ai minori di 18 anni con la motivazione che si intende vietare la promozione dell’omosessualità ai minori.

Ue: "In Europa si è liberi di amare chi si vuole"

I paesi firmatari hanno chiesto alla Commissione europea di agire contro l’Ungheria di Victor Orban, portandola in Corte di Giustizia per le misure adottate. La presidente della Commissione ha ribadito di credere “fortemente in una Europa in cui si è liberi di amare chi si vuole, “un Europa che abbraccia la diversità”. “Userò tutti i poteri della Commissione per fare in modo che i diritti di tutti i cittadini europei siano garantiti per chiunque e ovunque”, ha aggiunto la von der Leyen.

La legge anti-LGBT nelle scorse settimane aveva sollevato proteste tra le associazioni che sostengono i diritti civili. Cortei e manifestazioni in mezza Europa per solidarizzare con il mondo omosessuale. In tema di sostegno alla comunità LGBT nel mondo del calcio sta facendo discutere la decisione della UEFA che detto no all'idea di illuminare con un arcobaleno artificiale lo stadio di Monaco di Baviera in occasione della partita di Euro 2020 tra Germania e Ungheria.