This content is not available in your region

Diritti e giungla digitale

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Euronews
Euronews   -   Diritti d'autore  Images

Consegnano cibo, guidano taxi e fanno progetti da remoto, ma molti dei 24 milioni di lavoratori che lavorano con le piattaforme digitali in Europa sono sottopagati, viene loro negata un'adeguata protezione sociale e sono utilizzati come forza lavoro disponibile dalle aziende. Una sorta di caporalato diitale.

Nel tentativo di migliorare le loro condizioni di lavoro, la Commissione europea sta consultando sindacati e datori di lavoro su una serie di proposte relative alla condizione occupazionale, alla rappresentanza collettiva e alla cosiddetta gestione algoritmica.

Nicolas Schmit, Commissario UE per l'occupazione e i diritti sociali: "C'è bisogno di azione perché, beh, questa è una parte importante della nostra economia, una parte crescente della nostra economia. E questa economia online non può semplicemente svilupparsi al di fuori delle normali regole e delle normali protezioni che sono state stabilite per l'economia normale ... È una questione difficile perché dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra la flessibilità di cui questo tipo di modello di business ha bisogno e l'adeguata protezione a cui hanno diritto le persone che lavorano per questo settore".

Per i sindacati, l'azione delle istituzioni europee è necessaria per garantire condizioni di lavoro eque e dignitose per i lavoratori della piattaforma, nonché il loro diritto a organizzarsi e negoziare collettivamente.

Chiedono alla commissione di contrastare il lavoro autonomo fittizio e di presumere che siano lavoratori dipendenti.

Ludovic Voet, segretario confederale della Confederazione europea dei sindacati: "Se vediamo che davvero un algoritmo sta organizzando il lavoro, che un lavoratore non può mettere lui stesso le tariffe, le tariffe da solo, che non ha autonomia nello svolgere il compito, ci sono prove sufficienti che non è un lavoratore autonomo. Ci sono prove sufficienti che la piattaforma ha organizzato effettivamente il rapporto di lavoro. Ecco perché pensiamo davvero di dover prendere il punto di partenza, che siano dipendenti fino a prova contraria".

I datori di lavoro, invece, ritengono che dovrebbe spettare agli Stati membri definire il rapporto tra le piattaforme online e i lavoratori.

Maxime Cerutti, direttore degli affari sociali di Business Europe: "Nel dibattito europeo dovremmo stare attenti a non oltrepassare qualcosa che gli Stati membri sono più in grado di fare da soli. La realtà è diversa in tutta Europa. Ci sono paesi con un approccio binario all'occupazione e al lavoro autonomo,poi ci sono categorie intermedie in un certo numero di paesi, quindi dobbiamo rispettare questa diversità di soluzioni degli Stati membri".

L'economia delle piattaforme digitali è cresciuta di quasi cinque volte negli ultimi 5 anni e ora vale circa 14 miliardi di euro.

Se le parti sociali scelgono di non negoziare insieme sulla questione del lavoro, la Commissione presenterà una proposta legislativa entro la fine dell'anno.