This content is not available in your region

Sfruttamento e regole mancanti in agricoltura, uno scandalo che continua

Access to the comments Commenti
Di Gregoire Lory
euronews_icons_loading
Sfruttamento e regole mancanti in agricoltura, uno scandalo che continua
Diritti d'autore  Petros Karadjias/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.

La giusta remunerazione e le condizioni di lavoro spaccano l'Unione Europea sulla riforma della PAC, la Politica Agricola Comune. Le tre istituzioni hanno cercato di tirare fuori un accordo nelle ultime ore. I sindacati sottolineano tuttavia la drammatica situazione per almeno 4 milioni di lavoratori sui 10 milioni di persone attive nel settore.

Sonia Melo lavora da 7 anni con lavoratori st agionali e migranti in fattorie austriache dove il salario minimo di 7 euro l'ora è ben lungi dall'essere una realtà: "L'abuso maggiore è il sottopagamento. Il salario minimo non viene rispettato. Normalmente la paga e di 4 euro - 4; 5 euro l'ora. E anche se il salario minimo e rispettato, lo sfruttamento arriva attraverso altre strategie, direi, dagli agricoltori per sottopagare i loro lavoratori. Si detraggono troppo soldi per l'alloggio, per esempio, o per il cibo o per non pagare gli straordinari".

Per combattere questo fenomeno, i sindacati chiedono quindi la condizionalità sociale. In altre parole, le aziende agricole che non rispettano le normative nazionali non potrebbero più avere accesso ai fondi europei. Ma per l'associazione che rappresenta gli operatori questa proposta rappresenta soprattutto un onere aggiuntivo.

Dice Pekka Pesonen, segretario generale del COPA COGECA: "Rispettiamo pienamente la legislazione pertinente e le regole che vengono messe in atto. Il legame con la PAC è problematico per noi e soprattutto quando diventa una condizione per i pagamenti. Lo vediamo come un onere amministrativo per gli agricoltori. Nel peggiore dei casi imporrebbe una doppia sanzione agli agricoltori in caso di infrazione. E riteniamo che ciò sarebbe eccessivo ".

L'argomento d'una sovrattassa amministrativa e di una nuova legislazione e respinta dai sindacati.

Kristjan Bragason, segretario generale dell'EFFAT (European Federation of Food, Agriculture and Tourism Trade Unions): "si parla anche di un nuovo redtape qualcosa che non ci piace venga presentato in questo modo perché stiamo parlando di una regolamentazione già esistente. L'unica differenza è che coloro che non seguiranno tali regolamenti, non dovrebbero ricevere fondi pubblici. Questo è il unica differenza con il sistema già esistente ".

Gli oppositori di questa condizionalità sociale sostengono che il diritto del lavoro non è una competenza europea. I sostenitori sostengono che bisogna difendere coloro che hanno nutrito l'Europa dall'inizio della pandemia, i lavoratori.