ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaticano citato in giudizio per aver utilizzato un disegno di street art senza autorizzazione

euronews_icons_loading
Screengrab
Screengrab   -   Diritti d'autore  from AP video
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Vaticano è stato citato in giudizio per aver utilizzato un disegno di street art dell'artista Alessia Barlow su un francobollo ufficiale senza preventiva autorizzazione.

L'artista, attualmente in Tribunale per il riconoscimento dei suoi diritti, chiede 130mila euro alla Santa Sede per il suo disegno, datato 2019.

"Non potevo crederci - dice - onestamente pensavo fosse uno scherzo, poi ho pensato che stessero agendo in buona fede, che fosse vero che mi stavano cercando, come era stato scritto sui giornali, solo che sembra non lo fosse, perché non hanno mai voluto incontrarmi".

Il Vaticano rifiuta per il momento di rilasciare dichiarazioni o di prendere una posizione ufficiale in merito alla questione.

from AP video
Screengrabfrom AP video

Tuttavia, per legge, le opere di street art sono considerate proprietà artistica come le altre, come confermato da Massimo Sterpi, avvocato specializzato in diritti d'autore.

"I diritti sono gli stessi per la street art - dice - la legge ritiene irrilevante se l'opera è realizzata su carta, tela, un muro o un ponte.

Soprattutto, le leggi in materia stabiliscono che anche se l'opera fosse illegale, a causa di una deturpazione o imbrattamento di un muro, ciò non negherebbe all'artista di rivendicare i diritti d'autore dell'opera da lui creata".

I francobolli sono una grande fonte di reddito per il Vaticano, di solito assai esigente per i diritti di riproduzione dei suoi numerosi capolavori.

Sono 80.000 le copie del francobollo attualmente in circolazione, vendute a 1,15 euro.