ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

Fanatismo xenofobo e apologia del fascismo: 25 perquisizioni

euronews_icons_loading
Perquisizioni Polizia
Perquisizioni Polizia   -   Diritti d'autore  Rai - Eurovision
Dimensioni di testo Aa Aa

Fanatismo violento, intriso di xenofobia e nostalgie filonaziste. Apologia del fascismo. Esaltazione della violenza quale metodo di lotta politica. L'indagine, condotta dall'Antiterrorismo e dalla Digos dell'Aquila, scoperchia il vaso di pandora dell'organizzazione di estrema destra "Ultima Legione".

Sono 25 le perquisizioni domiciliari che la polizia di Stato, su disposizione della Procura, ha eseguito in 18 diverse province. Alcuni membri di "Ultima legione", definendosi apertamente 'fascisti', denigravano esplicitamente i valori della Costituzione e istigavano all’uso della violenza attraverso la diffusione on line di materiale incitante all’odio e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi.

Le indagini sono scattate nel 2019 con il monitoraggio di alcune chat su Telegram e Whatsapp, denominate "Ultima Legione" e "Boia chi molla". Con le applicazioni di messaggistica gli indagati facevano proselitismo e reclutamento di militanti.

Agli appartenenti all’organizzazione viene contestato il perseguimento di finalità antidemocratiche proprie del partito fasciste: successive indagini dell’Antiterrorismo, svolte anche con la collaborazione del servizio centrale della Polizia Postale e delle Comunicazioni, hanno consentito di individuare i membri dell'organizzazione.

Il materiale online è stato rinvenuto nella disponibilità di tre persone residenti a Firenze, Prato e Grosseto, alle quali fanno capo le chat inneggianti alla violenza.