EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Lampedusa: il dramma migranti nel racconto di due pescatori senegalesi

Lampedusa: il dramma migranti nel racconto di due pescatori senegalesi
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ibrahima Mbaye e Waly Sarr sono arrivati regolarmente sull'isola. Da qualche anno lavorano sul peschereccio "Vincenzo Padre"

PUBBLICITÀ

Sono stati costretti a lasciare la propria casa e a cercare un lavoro in Europa per mantenere le loro famiglie. Ibrahima Mbaye, 41 anni, e Waly Sarr, 30, sono due pescatori senegalesi, tra i pochi fortunati arrivati legalmente a Lampedusa dove da alcuni anni lavorano sul peschereccio "Vincenzo Padre".

"Quando sono arrivato a Lampedusa credevo che avrei visto una, due o tre barche di migranti al giorno, ma invece in estate ne ho viste arrivare 20 o più e non potevo crederci. Arrivano tutti dall’Africa o dal Bangladesh", racconta Ibrahima Mbaye, arrivato a Lampedusa un anno e mezzo fa in aereo dalla Francia dopo aver vissuto quattro anni a Milano.

"Il viaggio in mare è rischioso, ma non ci pensi, pensi solo che vuoi arrivare per lavorare, non che puoi morire nel percorso altrimenti non lo fai”, dice Waly Sarr a proposito dei tanti migranti che ha visto sbarcare in quasi 10 anni di vita sull'isola dove il trentenne è arrivato in aereo con tutti i documenti in ordine, al seguito di suo padre già nell'equipaggio del peschereccio. Una condizione estremamente rara.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Senegal, rischio disastro ecologico non lontano da Dakar

L'Europa sembra impreparata a gestire la prossima crisi dei migranti che si attende quest'estate

Cinema, ecco "Limbo": parla di migranti, si ride e ci si commuove