ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Delitto Macchi: familiari Lidia,nessuna prova che fu Binda

Madre e fratelli studentessa, dolore non aver trovato colpevole
Madre e fratelli studentessa, dolore non aver trovato colpevole
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VARESE, 27 GEN – “Crediamo che durante il corso
delle indagini e soprattutto dei processi non siano emerse prove
a sufficienza per ritenere che Stefano Binda sia stato
l’assassinio di Lidia e pertanto comprendiamo la sua completa
assoluzione”. E’ quanto scrivono in una lettera Paola, Stefania
e Alberto Macchi, rispettivamente madre e fratelli di Lidia
Macchi, studentessa varesina uccisa nel gennaio 1987 nei boschi
di Cittiglio (Varese), per il cui delitto oggi la Cassazione ha
confermato l’assoluzione per Stefano Binda. “In noi rimarrà per
sempre la ferita di non aver trovato il colpevole della morte di
Lidia”, prosegue la lettera. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.