ULTIM'ORA
This content is not available in your region

State of the Union: cauto ottimismo del FMI sul post-Covid

euronews_icons_loading
State of the Union: cauto ottimismo del FMI sul post-Covid
Diritti d'autore  HELMUT FOHRINGER/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

In Europa, il numero di nuovi casi è aumentato per la sesta settimana consecutiva e l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito il lancio del vaccino "inaccettabilmente lento", come se non lo avessimo saputo.

In Francia, la situazione rischia di andare così fuori controllo che il governo ha imposto un nuovo confinamento nazionale totale, il terzo dall'inizio della pandemia.

Il presidente Emmanuel Macron ha affermato che "le misure che sono state attuate in 19 dei nostri dipartimenti con restrizioni più severe saranno diffuse su tutto il territorio della Francia metropolitana già sabato sera, per quattro settimane".

Più a lungo si protrae la pandemia, più a lungo continuerà la crisi economica globale.

Questa settimana, a Washington, sono iniziati gli incontri di primavera del FMI e della Banca Mondiale, con al centro le prospettive economiche.

C'è motivo di essere ottimisti? Lo abbiamo chiesto a uno dei massimi esperti mondiali, Kristalina Georgieva, amministratore delegato del Fondo monetario internazionale ed ex vicepresidente della Commissione europea.

Euronews: la crisi del Coronavirus ha portato alla peggiore performance economica in tempo di pace in Europa e nel mondo. Le persone hanno perso il reddito, hanno perso il lavoro, le imprese stanno lottando per sopravvivere: qual è il suo messaggio per queste persone, quando possiamo aspettarci che le cose cambino?

Kristalina Georgieva: il mio messaggio è: l'economia mondiale è su una base più solida. Aggiorneremo le nostre previsioni di crescita per quest'anno e per il prossimo. Ma c'è anche una pericolosa divergenza nelle economie all'interno dei paesi e tra i paesi. E dobbiamo concentrarci su come uscire dalla crisi sanitaria e soprattutto investire in un futuro più verde, più intelligente, più resistente agli shock e più inclusivo.

Euronews: a parte la situazione Covid, vede altri rischi che potrebbero rendere accidentata la strada per la ripresa?

Kristalina Georgieva: c'è ancora molta incertezza. In primis, il rischio che una buona notizia si trasformi in una notizia un po 'meno buona per alcuni. Se l'economia mondiale fosse in forte espansione e la crescita superasse le aspettative, ciò potrebbe portare a tassi di interesse in aumento, inasprimento delle condizioni finanziarie. Il secondo rischio da tenere d'occhio è come affrontiamo il debito. Questa crisi, ovviamente, ha portato ad un aumento dei livelli di debito - in media nel mondo il debito pubblico ammonta al 100% del PIL. Dobbiamo pensare al risanamento di bilancio a medio termine quando sarà il momento giusto - non ancora, dobbiamo ancora assicurarci di sostenere l'economia.

Euronews: lei faceva parte della Commissione Juncker come vice presidente. Quando guarda alla risposta europea post Covid, ai massicci fondi di soccorso e ripresa economica, a cosa si dovrebbe dare la priorità adesso?

Kristalina Georgieva: in questo momento, le priorità più importanti rimangono: accelerare le vaccinazioni durante la crisi sanitaria e assicurarsi che il sostegno non venga ritirato prematuramente. E sono lieta di vedere che queste sono le due priorità dei leader europei e dei cittadini europei. I nostri dati mostrano che c'è potenzialmente una differenza di tre volte nella perdita di reddito pro capite tra i paesi con buoni risultati e quelli che sono indietro. Non può essere il caso nell'Unione europea e mi aspetto che sia oggetto di ulteriore attenzione.