ULTIM'ORA
This content is not available in your region

A Dubai, la prima fiera grande d'arte a tenersi nuovamente "dal vivo"

euronews_icons_loading
A Dubai, la prima fiera grande d'arte a tenersi nuovamente "dal vivo"
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Non fosse per le mascherine, sembrerebbe quasi una scena del periodo precedente alla pandemia: succede ad Art Dubai, la prima fiera internazionale d'arte a svolgersi nuovamente in uno spazio fisico piuttosto che virtuale.

Un evento che assume così un valore quasi simbolico, come ci spiega il direttore artistico Pablo del Val. "Art Dubai - ha detto a Euronew - è stata la prima fiera d'arte ad essere cancellata, proprio quando la pandemia era iniziata, ed ora è la prima ad essere tenuta in presenza fisica. E penso sia un momento fantastico ed emozionante. Credo che tutti non vedevano l'ora di smettere di guardare l'arte attraverso gli schermi e tornare ad avere un rapporto fisico con un le opere".

La fiera presenta alcuni tra i più grandi nomi dell'arte contemporanea, come Takashi Murakami o Keith Haring; ma si concentra anche su artisti della regione del Golfo, come Rashed al-Shashai, una figura di spicco della scena artistica contemporanea saudita

"Il virus - spiega al-Shashai - ha cambiato la vita nel suo complesso. Ma la cosa più bella degli esseri umani è che sanno dimenticare: con tutto quello che è successo l'anno scorso ero convinto che l'umanità avrebbe poi voluto prendersi una pausa, cercando di metabolizzare gli eventi. Ma ho scoperto che le persone stanno solo aspettando un'opportunità per tornare a vivere; e credo che saranno in grado di ricostruire e dimenticare tutto ciò che è successo, che diventerà una storia da raccontare."

Cinquanta gallerie contemporanee e moderne provenienti da 31 diversi paesi sono presenti all'edizione di quest'anno; che resterà aperta fino al 3 aprile, per un totale di 6 giorni, invece dei consueti 4