This content is not available in your region

Le sanzioni europee a Mosca tra critiche e applausi

Access to the comments Commenti
Di Elena Cavallone  & Euronews
euronews_icons_loading
Le sanzioni europee a Mosca tra critiche e applausi
Diritti d'autore  Yves Herman/AP

Per la prima volta i ministri degli esteri dell'Unione europea concordano di infliggere sanzioni alla Russia per la violazione dei diritti umani.

Al termine di una riunione a Bruxelles, i 27 hanno stabilito che davanti all'arresto, alla detenzione e alla persecuzione del leader dell'opposizione russa Navalny il blocco europeo deve mandare un segnale forte, specialmente dopo il duro trattamento ricevuto dall'Alto rappresentante Josep Borrell nel suo viaggio a Mosca.

La voglia di rivalsa si legge nelle parole usate da Borrell stesso, che ha affermato che Mosca sta intraprendendo una deriva autoritaria e che sta scegliendo di allontanarsi dall'Unione europea.

Le sanzioni sono di tipo economico (diviteti di viaggio nell'UE e congelamento dei beni che si trovano nell'UE) e colpiscono in verità poche persone: quattro alti funzionari considerati direttamente responsabili dell'arresto dell'oppositore russo.

La novità di questa azione consiste nella base legale usata dall'UE per colpire la Russia: se fino ad oggi le sanzioni sono state inflitte per violazione del diritto internazionale, stavolta l'UE ha usato il Magnitsky Act, un testo entrato in vigore nel dicembre 2020 che fornisce gli strumenti per punire le violazioni dei diritti umani commesse a livello internazionale.

Eppure, come spesso succede, le relazioni con la Russia mettono in evidenza le divisioni e le diverse sensibilità degli Stati membri.

Sebbene le misure siano state prese all'unanimità, non nascondono la delusione gli eurodeputati polacchi, che invece avrebbero preferito vedere colpiti gli oligarchi russi.

"A guardarlo dalla prospettiva dell'Europa centrale sembra uno scherzo - afferma Witold Jan Waszczykowski-. Perché queste non sono nemmeno sanzioni simboliche. Colpiscono poche persone a cui viene impedito di non recarsi nell'Unione europea. Ma a queste persone comunque la Russia non avrebbe permesso di viaggiare nell'Unione europea perché sono membri del partito o membri dei servizi di sicurezza, quindi questa è una sanzione priva di significato".

Ma prendere di mira gli oligarchi russi non è semplice. Serve un nesso di causalità tra le sanzioni e la violazione: in altre parole bisogna colpire solo chi realmente ha svolto un ruolo nella vicenda Navalny. Come spiega Jamie Shea, Senior fellow presso Friends of Europe, l'UE deve procedere con cautela e rispettare lo stato di diritto.,

"Le sanzioni devono reggere dal punto di vista legale. Ovviamente quelli che sono al governo o nel sistema giudiziario sono direttamente implicati in ciò che è accaduto a Navalny rispetto ad altri obiettivi interessanti come gli oligarchi. Il problema è che questi ultimi sono al di fuori dalla catena di comando".

Borrell afferma che le sanzioni entreranno in vigore nel giro di una settimana. La mossa dell'UE potrebbe aprire la strada ad altri paesi per fare lo stesso: tutti gli occhi sono puntati su Washington per vedere come Joe Biden tratterà la sua controparte russa.