ULTIM'ORA
This content is not available in your region

A qualcuno piace caldo. Progetto francese dimostra come sia possibile riscaldare a costi contenuti

euronews_icons_loading
A qualcuno piace caldo. Progetto francese dimostra come sia possibile riscaldare a costi contenuti
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Come fa un piccolo villaggio a diventare un riferimento nella transizione energetica?

Venizy è una piccola comunità, con meno di mille abitanti, situata nella regione francese della Borgogna (dipartimento dell'Yonne).

Si trova nel cuore di una delle principali aree boschive della regione, il sindaco ha scelto di cambiare il sistema di riscaldamento degli edifici pubblici dal petrolio al truciolato.

Questo ha comportato risparmi finanziari e un minore impatto ambientale. Il nuovo locale caldaia consente di risparmiare oltre il 50% dei costi di riscaldamento e avere 63 tonnellate di emissioni di CO2 all'anno in meno.

Dice il sindaco della piccola cittadina: "È un vecchio mondo che si è modernizzato. Prima riscaldavamo con la legna ... oggi riscaldiamo ancora con la legna, ma anche con una tecnologia molto avanzata. È un tipo di energia diversa, un altro tipo di riscaldamento che s'innesta su di un impianto esistente. Il trasferimento di energia dall'olio combustibile al legno consente una reale economia di esercizio, anche tenendo conto dei costi di investimento "

La transizione tecnologica verso una fonte di energia più pulita e rinnovabile è costata circa 277mila euro, parzialmente finanziata dalla politica di coesione dell'Unione Europea.

Il truciolato per alimentare l'impianto della caldaia proviene dagli 800 ettari di bosco comunale, sotto il controllo delle autorità ambientali. Si tratta principalmente di rifiuti, alberi morti o alberi abbattuti per motivi di sicurezza, come qui, vicino a una strada dipartimentale. Un responsabile forestale afferma:

"Il fabbisogno comunale annuo di legnamo è di 80 tonnellate. Generalmente la legna viene tagliata in inverno, e in maggio-giugno questa viene frantumata e immagazzinata in un capannone, che serve per far essiccare la legna. La lasciamo asciugare per circa tre o quattro mesi e poi possiamo usarla direttamente per il locale caldaia comune".

Per garantire le migliori prestazioni energetiche questo combustibile naturale viene modellato in forma di piccoli pezzi omogenei di legno secco.

In caso di guasto del dispositivo di riscaldamento attuale, è disponibile una soluzione di backup basata sul sistema precedente.

Così Jean-Pierre Gallois, responsabile lavori pubblici comune di Venizy: "Abbiamo ancora le vecchie installazioni. Non le abbiamo smontate, perché se un giorno avessimo un problema con il locale caldaia, potremmo riaccendere il vecchio impianto. I rifiuti che producono le caldaie, intendo la cenere, verranno incorporati nel compost. Ciò che viene tolto alla natura alla fine torna alla natura".

La rete principale fornisce riscaldamento al municipio, un edificio vicino che ospita alloggi pubblici e due scuole. Un'altra struttura serve per il centro culturale alla periferia del paese.