EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Esplosione in fabbrica di recupero di polvere da sparo: 3 vittime

graphic
graphic Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Vittime nell'esplosione di una fabbrica di recupero esplosivi a Chieti, sarebbero almeno tre i morti.

PUBBLICITÀ

La Procura di Vasto ha aperto un fascicolo per fare chiarezza sulle cause dell'esplosione che ha provocato tre morti in uno stabilimento specializzato nel trattamento di ordigni bellici in provincia di Chieti. L'entità della deflagrazione aveva fatto temere un bilancio ancora peggiore. Bloccati per ore il transito ferroviario e la Statale 16 Adriatica. Le vittime, tutte dipendenti dell'azienda Esplodenti Sabino, avevano 45, 46 e 54 anni. Tra i primi a confermare la notizia il sottosegretario agli interni, Carlo Sibilia, che ha espresso cordoglio per le vittime.

In base alla prime ricostruzioni, sembra che l'incidente - avvenuto nel pomeriggio di lunedì - si sia verificato nei pressi dell'altoforno. La Esplodenti Sabrino, che tratta polvere pirica derivata da bonifiche di ordigni bellici, non è nuova a episodi di questo genere: un operaio aveva già perso la vita e altri quattro erano rimasti feriti, in tre distinti episodi, avvenuti tra l'inizio degli anni '90 e il 2015, anche in un altro stabilimento in provincia di Parma.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A 75 anni dalla fine della seconda guerra mondiale spuntano dovunque residui bellici

Grande Guerra, l'incubo dei residuati bellici

Ordigno bellico inesploso in Polonia: evacuati i residenti