ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Egitto, si chiude il Festival del cinema El Gouna

euronews_icons_loading
euronews
euronews   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Daleen Hassan, euronews: "Sulle rive del Mar Rosso si è conclusa la quarta edizione del Festival del cinema egiziano El Gouna.Con meno star internazionali in grado di recarsi in Egitto, per il COVID 19, il festival, durato nove giorni, ha lavorato su una cultura che permetta ai registi di trasformare le loro visioni in realtà".

Tra rigide misure di sicurezza sono stati proiettati 63 lungometraggi, 18 cortometraggi e 10 documentari provenienti da tutto il mondo.

Naguib Sawiris, fondatore del Film Festival: "La decisione di fare il festival è basata principalmente sul fatto che vogliamo che la vita continui, è un messaggio di speranza, un messaggio di felicità e un messaggio di sfida, e il cinema è tutto questo".

La cerimonia di chiusura ha visto Quo Vadis, Aida? diretta da Jasmila Zbanic ricevere la Stella d'oro per il miglior lungometraggio narrativo. Il film segue Aida, una traduttrice dell'ONU, che cerca di salvare la sua famiglia durante la guerra in Bosnia del 1995.

Un'altra regista che ha trionfato è stata la tunisina Kaother Ben Hania, vincitrice del premio per il miglior lungometraggio di narrativa arabo, con il suo film "L'uomo che ha venduto la sua pelle". Il film è incentrato su un rifugiato siriano che diventa una tela vivente tatuata in Europa

Kaother Ben Hania, scrittore e regista: "Sono davvero contenta di vincere questo premio in un paese arabo, perché è un film su un rifugiato in Europa, ma diciamo che è con un punto di vista arabo di te, che sai che non è comune".

Il tappeto rosso non ha deluso - con le stelle arabe che brillano in abiti eleganti. Dietro i riflettori, il festival ha gestito anche la piattaforma CineGouna per finanziare e sostenere i giovani registi. Sono stati scelti progetti su temi di lotta politica, umanità ed emancipazione femminile provenienti da tutta la regione. Con la speranza di sentire nuove voci e di sviluppare i cineasti del futuro.