ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Covid-19, la Cina e gli orologi svizzeri

euronews_icons_loading
Orologio svizzero
Orologio svizzero   -   Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Per l'ottavo mese consecutivo l'esportazione di orologi svizzeri di lusso segna un calo costante rispetto all'anno scorso. Il dato tuttavia è attenuato dalla crescita delle vendite in Cina, rimbalzate a un +80 per cento, grazie a una economia che si sta mostrando più resiliente di fronte alla pandemia.

Georges Kern Amministratore delegato di una società produttrice di orologi di precisione: "I consumatori cinesi rappresentano circa il 50% del consumo dell'industria del lusso, e ora non viaggiano più per il mondo. E credo che non torneranno a farlo nei prossimi sei o dodici mesi. Per noi la sfida quindi è di conquistare nuovi acquirenti sui mercati locali: i francesi in Francia, i britannici nel Regno Unito, gli statunitensi negli USA e ovviamente i cinesi in Cina. Prima della pandemia, per un orologio venduto in Cina si contavano altri 4 venduti a acquirenti cinesi fuori dalla Cina".

La crisi economica e la pandemia non paiono intaccare il mercato dei prodotti di lusso, caratterizzato da clienti che spesso acquistano beni durante viaggi all'estero. Secondo alcune analisi al 2025 il 46 per cento degli acquirenti di beni di lusso sarà fatto da cinesi: più di statunitensi, europei, asiatici del Sud-Est e giaponesi messi insieme.