ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Trump: "Vaccino pronto in 3-4 settimane". Biden: "Mi fido degli scienziati, non di Trump"

euronews_icons_loading
Trump: "Vaccino pronto in 3-4 settimane". Biden: "Mi fido degli scienziati, non di Trump"
Diritti d'autore  MANDEL NGAN/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Nella corsa verso la riconferma alla Casa Bianca, Donald Trump si gioca anche la carta del vaccino.
Pronto in 3-4 settimane.

Quindi ottobre o poco dopo, come spiega lo stesso Trump.

La promessa arriva da un incontro pubblico a Filadelfia, davanti ad un gruppo di elettori indecisi della Pennsylvania.

Trump contro il direttore dell'agenzia per la tutela della salute

Di fatto, il presidente smentisce Robert Redfield, direttore del Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l'agenzia federale per la tutela della salute, che testimonando in Senato aveva detto di non aspettarsi che un vaccino contro il Coronavirus prima della fine del secondo trimestre/terzo trimestre del 2021".

Lo stesso Redfield aveva aggiunto: "Potrei dire che la mascherina è persino più utile di un vaccino contro il Covid-19".

Trump tira dritto, afferma che il vaccino è molto più utile della mascherina e dichiara:

"Siamo sulla buona strada per consegnare e distribuire il vaccino in modo molto sicuro ed efficace. Pensiamo di poter iniziare ad ottobre.
Quindi, non appena sarà annunciato, potremo iniziare. Questo a partire da metà ottobre".
Donald Trump
74 anni, Presidente Stati Uniti
Evan Vucci/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Donald Trump durante la conferenza stampa alla Casa Bianca. 16.9.2020Evan Vucci/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Trump non lo ha specificato, ma è probabile che a sviluppare il vaccino made in USA sia l'azienda americana Moderna, in collaorazione con l'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (Niaid) degli Stati Uniti, diretto da Anthony Fauci.

Uno dei consiglieri di Trump, il dottor Scott Atlas, ha detto che potrebbero essere disponibili fino a 700 milioni di dosi di vaccino entro la fine di marzo.

Il presidente ha rassicurato che il virus comunque "andrà via" anche senza vaccino, perché "si svilupperà una mentalità da gregge", forse riferendosi alla cosiddetta immunità di gregge.

Ma parlare di immunità di gregge sembra veramente fuori luogo.
Negli Stati Uniti, il numero dei decessi da Covid-19 ha appena superato quota 200.000 e nelle ultime 24 ore ha toccato il livello giornaliero più alto dal 19 agosto: 1.293 morti.

La risposta di Biden

Dallo stato del Delaware dove si trova per la campagna elettorale, il candidato democratico Joe Biden dice di fidarsi degli scienziati e non di Trump.

"Le scoperte scientifiche non si preoccupano dei calendari piu di quanto non faccia il virus. Di certo non seguono i cicli elettorali. E i loro tempi, la loro approvazione e la loro distribuzione non dovrebbero mai e poi mai essere distorti da considerazioni politiche.
Dovrebbero essere determinate solo dalla scienza e dalla sicurezza".
Joe Biden
Candidato democratico alla Presidenza degli Stati Uniti
Patrick Semansky/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Joe Biden durante il suo comizio a Wilmington, nel Delaware. 16.9.2020Patrick Semansky/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

Redfield insiste: "Il vaccino sarà disponibile in primavera o estate 2021"

Mercoledì il Centers for Disease Control and Prevention ha inviato un documento di pianificazione negli Stati Uniti e in alcune grandi città.
Aggiungendo alle complicazioni logistiche, i vaccini dovranno probabilmente essere somministrati in due dosi a distanza di settimane l'una dall'altra e dovranno essere refrigerati.

Il direttore Robert Redfield ha dichiarato che i 50 Stati non sono ancora pronti ad affrontare la richiesta di una tale distribuzione e che sarebbero necessari circa 6 miliardi di dollari di nuovi finanziamenti per preparare tutto il paese.

Redfield ha aggiunto che qualsiasi vaccino disponibile a novembre o dicembre sarebbe in "quantità molto limitata" e riservato ai primi soccorritori e alle persone più vulnerabili al Covid-19.
Il vaccino non sarà ampiamente disponibile fino alla primavera o all'estate del 2021, ha stimato Redfield.

Redfield ha detto che l'"integrità scientifica" dei rapporti della sua agenzia "non è stata compromessa e non lo sarà sotto la mia sorveglianza".

"La cosa peggiore che potrebbe accadere è che ci venga consegnato un vaccino e che non siamo ancora pronti a distribuirlo", ha detto Redfield al Senato.

Andrew Harnik/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Robert Redfield, durante la seduta a Capitol Hill, sede del Congresso americano.Andrew Harnik/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Michael Caputo se ne va

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani ha annunciato mercoledì che l'incaricato politico Michael Caputo si sarebbe preso un congedo per "concentrarsi sulla sua salute e sul benessere della sua famiglia".
La notizia ha fatto seguito alle rivelazioni che Caputo avrebbe cercato di ottenere il controllo editoriale sulle pubblicazioni scientifiche del CDC sul Covid-, che secondo Caputo danneggiano l'amministrazione Trump.

L'opinione pubblica

L'intera vicenda del vaccino deve affrontare il continuo scetticismo dell'opinione pubblica. Solo circa la metà degli americani ha detto che si sarebbe fatta vaccinare, in un sondaggio della Associated Press-NORC condotto a maggio. Ma da allora, probabilmente, le cose sono cambiate.

Il numero dei morti, pure.