ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sudafrica, ci sono i pinguini e le petroliere: chi è destinato a soccombere secondo voi?

euronews_icons_loading
Sudafrica, ci sono i pinguini e le petroliere: chi è destinato a soccombere secondo voi?
Diritti d'autore  Кадр из видео AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Algoa Bay - un'insenatura al largo della città di Port Elizabeth, nella provincia del Capo orientale - è al largo delle coste del Sudafrica e ospita quasi la metà della popolazione mondiale di pinguini africani in via di estinzione.
Ma le stesse acque sono ideali per le operazioni di offshore bunkering, che rappresentano un grande pericolo per l'ecosistema.
Si tratta infatti di delicate operazioni che riguardano il travaso in mare aperto di combustibili da depositi galleggianti e il rifornimento delle navi.

Una minaccia per la biodiversità e per la colonia di pinguini

Ronelle Friend, consulente ambientale, spiega a quali rischi va incontro l'ecosistema e la colonia di pinguini: "Vogliamo proteggere la nostra biodiversità e fare di Algoa Bay una destinazione ecoturistica, e non possiamo farlo con il rischio di fuoriuscite di petrolio e i pinguini in pericolo di estinzione", dice.

Le operazioni di bunkering si svolgono troppo vicino alle zone di allevamento dei pinguini, avvertono gli ambientalisti.
La più grande cisterna di stoccaggio della baia può contenere fino a 100.000 tonnellate di carburante. Già due volte, nel 2017 e nel 2019, le squadre sono intervenute per salvare decine di pinguini coperti di petrolio in seguito a piccole perdite.

Algoa Bay, il paradiso della fauna marina minacciato dal petrolio

Ma nel sito non ci sono solo i pinguini: il più grande gruppo di delfini tursiopi del mondo è stato registrato nella baia nel 2018, secondo un rapporto dello scorso anno dell'Università Nelson Mandela di Port Elizabeth. E il tratto di mare si trova anche sul percorso annuale delle sardine, pubblicizzato come uno degli eventi più spettacolari del pianeta.

Gli scienziati e gli ambientalisti dicono di aver osservato cambiamenti nel comportamento animale. Stanno studiando se il rumore, l'inquinamento e l'aumento del traffico navale possano colpire gli animali marini.

Le licenze di bunkeraggio a tre compagnie

Tre compagnie marittime hanno acquisito licenze di bunkeraggio dal 2016. Il traffico è aumentato a causa dell'hub di rifornimento, hanno detto gli ambientalisti.

La società sudafricana Marine Fuels spiega che l'incidente, che ha causato una perdita nel luglio 2019, "si è verificato a causa di uno straripamento dal serbatoio della nave ricevente". Tra i 200 e i 400 litri di petrolio erano così fuoriusciti nella baia.

La South African Marine Fuels, che era dietro la fuoriuscita del luglio 2019, ha detto che "si è verificata a causa di un serbatoio traboccante della nave ricevente" e che tra i 200 e i 400 litri (53 e 106 galloni) di petrolio sono caduti in mare. L'azienda "è fortemente impegnata nella sicurezza delle sue operazioni e nella responsabilità nei confronti delle persone e dell'ambiente", ha detto in una dichiarazione all'agenzia AFP.

Heron Marine, la terza società autorizzata, ha dichiarato di operare secondo tutte le norme in materia di salute, sicurezza e ambiente.

Se ricoperti di petrolio, i pinguini sono destinati a morire di fame e di freddo

Gli ambientalisti dicono che il bunkeraggio rappresenta l'ennesima minaccia per una specie la cui popolazione globale è scesa sotto i 40.000 esemplari l'anno scorso.

"L'olio sulle loro piume ne toglie l'impermeabilità", spiegano i ricercatori, "alla fine muoiono di fame e freddo, in più gli adulti oliati tendono ad abbandonare le loro uova e i pulcini" .

Nel tentativo di pulirsi, gli uccelli ingeriscono anche tossine che, come è stato dimostrato, danneggiano gli organi interni e la capacità riproduttiva. I pinguini africani, distinti dal loro richiamo a forma di raglio e dalla marcatura a ferro di cavallo sul petto, si riproducono solo in Sudafrica e Namibia, ma si trovano anche in Mozambico.

Nel corso di tre decenni, il loro numero è diminuito di oltre il 60% a causa del cambiamento climatico, delle fuoriuscite di petrolio, dell'attività umana, della pesca eccessiva e della distruzione dell'habitat.