ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Wout van Aert: è nata una stella?

Wout van Aert sul palco di Sanremo.
Wout van Aert sul palco di Sanremo.   -   Diritti d'autore  Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
Dimensioni di testo Aa Aa

E' nata una stella?

Sarà il tempo a confermarcelo, ma intanto questo inizio di stagione - in agosto! - del ciclismo mondiale è sotto il segno di Wout van Aert.

26 anni il prossimo 15 settembre, belga fiammingo, tre volte campione del mondo di ciclocross (2016-2017-2018): adesso ha sfondato anche su strada. In una settimana: primo alle "Strade Bianche", terzo alla Milano-Torino, primo alla Milano-Sanremo.

Due vittorie, le stesse di Julian Alaphilippe, l'anno scorso: proprio il francese ha battuto, di una mezza ruota, forse meno, all'arrivo di via Roma...

Una rivelazione, van Aert, soprattutto per chi se lo ricorda l'anno scorso protagonista di una brutta caduta al Tour de France, che avrebbe potuto costargli caro dal punto di vista psicologico.
E non solo. Una ferita alla gamba di quasi 30 centimetri, la paura di non avere più coraggio e poi il ricorso ad un mental coach che sembra aver rigenerato il talento innato del giovane belga, aggiungendogli una vena di "follia creativa" ciclistica in più.

Marco Alpozzi/LaPresse
Lo sprint vincente di van Aert su Alaphilippe.Marco Alpozzi/LaPresse

Faccia da bravo ragazzo, a gennaio diventerà papà, appassionato di vini italiani ("Alle Strade Bianche ho festeggiato con il Brunello, dopo la Sanremo con il Barbaresco"), Wout van Aert potrebbe essere il nuovo uomo copertina di un ciclismo che ha sempre bisogno di un nuovi eroi contemporanei.

"I miei limiti? Non li conosco neppure io. I miei obiettivi? La Roubaix e il Fiandre?", dice di se stesso.

Anche se, strafelice della vittoria alla Sanremo, si è lasciato scappare pure un "Adesso potrei pure ritirarmi", a testimonianza dell'importanza della Classica di Primavera, seppur vinta in agosto...

Wout van Aert sarà anche al Tour de France, come luogotenente di lusso dei suoi tre capitani della Jumbo-Visma, Dumoulin, Roglic e Kruijswijk. "Possiamo farcela a vincere il Tour", dice.

E se facesse come Alaphilippe? Se diventasse anche lui, come il francese l'anno scorso, la mina vagante della corsa gialla?

"Mi sa che devo ancora migliorare parecchio in salita", confessa il giovane Wout, con un sorriso soddisfatto e che promette sorprese.

Aggiornamento del 12 agosto

Wout van Aert non si ferma più.
Vince anche la prima tappa del Giro del Delfinato e indossa la prima maglia gialle della breve corsa a tappe francese.