ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Esiste ancora un legame stretto tra mondo dello spettacolo e criminalità?

Esiste ancora un legame stretto tra mondo dello spettacolo e criminalità?
Dimensioni di testo Aa Aa

Esiste ancora un legame stretto, al giorno d'oggi, tra il mondo dello spettacolo e la mafia?
I cantanti più famosi e i boss più potenti vanno ancora amichevolmente a braccetto?

Succedeva ai tempi di Frank Sinatra (papà catanese e mamma genovese) e di Dean Martin (al secolo Dino Paul Crocetti, originario di Montesilvano, in Abruzzo) - erano i tempi dei grandi Casinò - e potrebbe accadere anche ora, pure se con una visibilità minore e meno planetaria (anche per non dare troppo nell'occhio).

L'arresto di Giorgio De Stefano

Il tema è tornato d'attualità in questi giorni con l'arresto per associazione di stampo mafioso dell'imprenditore Giorgio De Stefano, titolare di diversi locali a Milano, figlio di un boss della mafia calabrese, Paolo Di Stefano, assassinato nel 1985.

Giorgio De Stefano è anche il compagno di Silvia Provvedi, una delle "gemelle" modenesi - l'altra è Giulia - che compongono il duo musicale "Le Donatelle": dalla relazione dei due è nata da pochi giorni la piccola Nicole.

Silvia sembra avere una certa passione per i "bad boys", visto che in precedenza era stata fidanzata con il noto fotografo Fabrizio Corona, al centro di numerose inchieste giudiziarie.
Amori veri, amori avventurosi o soltanto voglia di paparazzi e di copertine (che possono essere utili per la carriera da cantante)?

Giorgio De Stefano e Silvia Provvedi.

Tornando alla vicenda giudiziaria di Giorgio De Stefano, l'operazione - denominata "Malefix" (dal nickname social dello stesso De Stefano) - è stata condotta dalla polizia contro le cosche De Stefano-Tegano e Libri di Reggio Calabria.
Sebbene sia incensurato, per gli investigatori De Stefano "è da ritenersi il più valido rappresentante delle propaggini operative della cosca" a Milano. Sarebbe stato inviato al Nord dalla famiglia proprio per "ripulire" il denaro della cosca attraverso alcune attività lecite nel mondo dello show-business.

Proprio a causa del legame con la cantante Silvia Provvedi, De Stefano è apparso su alcune riviste, descritto come "famoso imprenditore calabrese che viene da una importante famiglia, si divide fra la Calabria, Milano ed Ibiza ed è tra i soci proprietari del Ristorante Oro di Milano".
La "notorietà" ottenuta da De Stefano, rileva il gip nell'ordinanza, non era sfuggita a Alfonso Molinetti, ritenuto esponente di spicco della cosca, che - intercettato - aveva invitato il giovane "alla massima cautela", sollecitandolo a una minore ostentazione dei propri beni e a uno stile di vita meno appariscente. Proprio per non "dare troppo nell'occhio".

La storia di Niko Pandetta e dello zio

Più che i cantanti ad aver bisogno dei boss, forse sono i boss della mafia ad aver bisogno dei cantanti: e non soltanto per questioni economiche - ormai di dischi se ne vendono pochi, al massimo li chiamano per concerti privati a matrimoni ed altri eventi -, ma soprattutto per consolidare la loro immagine presso la base popolare.
Lo spunto ci arriva dalla storia di Niko Pandetta.

Niko Pandetta.

Chi è Niko Pandetta?
Ha 29 anni, è un cantante neomelodico di Catania, nipote di Turi Cappello, boss di "Cosa Nostra" che sta scontando l'ergastolo in regime di 41 bis.
Allo “zio Turi”, Pandetta ha dedicato una canzone per ringraziarlo di avergli “insegnato a vivere con onore”. Il brano ha collezionato oltre 4 milioni di visualizzazioni su YouTube e lo stesso Pandetta, che ha già scontato dieci anni di carcere per furti e rapine, ha una miriade di followers sui social.
"La mafia non esiste", ha dichiarato il cantante, in un recente "incontro ravvicinato" con un giornalista, concetto che poi ha parzialmente riveduto e corretto.

Il fenomeno neomelodici

Un caso a parte, forse persino un mondo a parte, è quello dei neomelodici napoletani.
Un vero e proprio fenomeno sociale, celebrato anche in alcune fiction di successo come "Gomorra", storia tratta dal celebre romanzo di Roberto Saviano.

Massimo Ravveduto, docente universitario, storico e saggista, è uno dei maggiori studiosi del fenomeno dei neomelodici e della cosiddetta "Camorra Entertainment".
In un'intervista ha dichiarato: "Il rapporto tra musica e malavita è ancora forte, anche se non cosi diretto. Per il pubblico vale la ricerca del divo prêt-à-porter, sempre più a portata di mano, anche grazie alla disintermediazione dei social network. La simbologia dei video musicali, spesso, è sempre la stessa: pizza, mare, spiaggia e religione, con i protagonisti che esibiscono la medaglietta della Madonna o il Crocefisso".

Tony & Tina

Una delle storie più glamour degli ultimi tempi nell'intreccio dei mondi della musica e della mafia è quella di Tony Colombo e Tina Rispoli.

Tony Colombo e Tina Rispoli.

Lei, 43 anni, è una vedova di mafia, la vedova di Gaetano Marino, freddato con undici colpi di arma da fuoco nell'agosto 2012 sulla spiaggia di Terracina. Marino era il boss degli "Scissionisti", protagonisti di una sanguinosa guerra di camorra con il clan Di Lauro, in quella che è tristemente conosciuta come la "prima faida di Scampia".

Lui, Antonio Colombo detto Tony (il nome d'arte, quando aveva 7 anni, glielo diede Mario Merola) è uno dei più famosi e apprezzati cantanti neomelodici, ora ha 34 anni.
Si innamorano e si sposano, il 27 marzo 2019 (in mezzo c'è anche un attentato alla casa discografica di Colombo).

Un matrimonio faraonico, a Napoli, al Maschio Angioino, ma senza le necessarie autorizzazioni per il fastoso corteo di amici, parenti e...cavalli, cosa che sembra abbia infastidito non poco lo stesso sindaco De Magistris e non solo lui (furono licenziati cinque ispettori trombettisti della Banda musicale della Polizia Penitenziaria, che parteciparono alle nozze in qualità di musicisti). E poi tutti al party in un castello già reso famoso per un programma televisivo che, guarda caso, s'intitola "Il Boss delle Cerimonie"...

La musica "malavitosa"?

Ma i boss della mafia ascoltano veramente le canzoni dei cantanti neomelodici, come si vede spesso in "Gomorra"?

Come scrive nel suo saggio "Cosa Nostra Social Club", Goffredo Plastino - docente di Etnomusicologia all'Università di Newcastle (Inghilterra) non esiste un genere musica "malavitoso".
"I mafiosi ascoltano ciò che ascoltiamo noi. L’idea che sia possibile circoscrivere generi e repertori musicali sulla base di categorie come “i mafiosi”, musiche che dovrebbero inoltre riflettere e ribadire i comportamenti di chi le ascolta, è davvero senza senso: dovrebbe essere possibile, allora, affermare che esistono repertori specifici per gli idraulici, i librai e i professori ordinari, e questi ultimi ascolterebbero pertanto solo canzoni su come si svolgono i concorsi universitari… un’assurdità! Basti pensare che nel covo di Bernardo Provenzano, la polizia ha trovato registrazioni della sigla di Beautiful e di canzoni di Claudio Villa, Bruno Lauzi, Julio Iglesias e Mina".

Anche i politici...

Ma cosa ci guadagnano i boss ad "affiancare" i cantanti e viceversa?
Per i cantanti è molto spesso solo una questione di sopravvivenza, per guadagnarsi da vivere. Per i boss è un piacere poter associare la loro immagine a quella di un cantante apprezzato dal pubblico. Una volta accadeva persino con Maradona, no? In fondo, anche molti politici chiamano i neomelodici a cantare ai loro eventi...