ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Decine di migliaia di tentativi di ingressi in Grecia dalla Turchia, tensioni al confine

euronews_icons_loading
Decine di migliaia di tentativi di ingressi in Grecia dalla Turchia, tensioni al confine
Diritti d'autore  Giannis Papanikos/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Nuovi scontri al confine tra Turchia e Grecia, dove sono accampati migliaia di migranti, che cercano di entrare nell'Unione europea. La polizia di frontiera di entrambi gli Stati ha lanciato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua, contro gruppi di persone, come ci spiega il nostro inviato a Kastianes, Giannis Karagiorgas. "Ha iniziato la polizia turca all'alba, con i gas lacrimogeni", spiega. "Secondo le autorità greche non c'è stato alcun tentativo da parte dei migranti di passare il confine e i prodotti chimici sono stati lanciati dalla Turchia". A causa dei gas lacrimogeni, l'aria si è fatta irrespirabile. Nel frattempo, ci arrivano informazioni dalla parte turca, secondo le quali sarebbe stato evacuato il campo allestito dai migranti.

I tentativi di ingresso

35 mila sono stati negli ultimi giorni i tentativi di ingresso illegali dalla Turchia verso la Grecia ai quali si sono opposte le forze di polizia di frontiera di Atene. Lo riferiscono le autorità greche. Le cifre sono pari a circa un quarto di quelle riferite dal governo di Ankara, che nel suo ultimo aggiornamento ha parlato di 138 mila migranti giunti alla frontiera da quando ha annunciato che l'Unione europea li avrebbe lasciati passare.

L'Europa fatica a trovare reali soluzioni

"Dobbiamo difendere le nostre frontiere. Dobbiamo conciliare il rispetto dei diritti umani col fatto che i nostri confini non possono essere violati". Così si è espresso parlando dei rapporti fra Unione e Turchia l'alto rappresentante della politica estera dell'Ue Josep Borrell, al termine della riunione informale dei ministri degli Esteri europei. Lo stallo della complessiva situazione dei migranti che premono per lasciare la Turchia è una spada di Damocle per l'Europa.

Continuano a giungere imbarcazoni con profughi a Lesbo

Intanto la scorsa notte sono salpate ancora delle imbarcazioni dalle coste turche che, cariche di migranti, sono giunte nelle isole greche dopo aver attraversato il Mar Egeo. A bordo soprattutto profughi siriani, iracheni, afghani e palestinesi.