ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il medico francese in quarantena: "I miei figli mi sfiniscono più del coronavirus"

euronews_icons_loading
Il medico francese in quarantena: "I miei figli mi sfiniscono più del coronavirus"
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

"I miei figli mi sfiniscono più del coroonavirus", dice il medico in quarantena con la sua famiglia.

Jonathan Peterschmitt è un giovane medico di base, trovato positivo al Covid-19. Il dottore è stato contagiato a Mulhouse, nell'est della Francia, durante un raduno religioso, che si è svolto tra il 17 e il 24 febbraio, organizzato dal padre, anche lui positivo. Peterschmitt, così come altre 7 persone, si trova ora in isolamento sotto osservazione e ci ha raccontato via Skype la sua esperienza.

"Non avevo sintomi molto espliciti. Nel mio studio medico mi trovo di fronte a molti casi di virus stagionali, dalla classica rinite, all'influenza vera e propria", racconta il medico. "Nel mio caso è stato più che altro uno stato influenzale, ho perso un pò gusto e olfatto, avevo il naso irritato, dolori ed ero molto stanco. Dei sintomi influenzali abbastanza comuni, quindi".

Il Covid-19 non va preso sottogamba, anzi, ma secondo Peterschmitt in certi casi bisogna mantenere la calma. "La parola coronavirus potrebbe essere fonte di ansia, se ci si ferma lì. Ma se osserviamo i fatti e vediamo persone contagiate che hanno un po' di mal di testa, dolori, poca o addirittura nessuna febbre, allora non c'è nulla di cui preoccuparsi. Bisogna guardare le cose in prospettiva. Questo è ciò che voglio sottolineare: dobbiamo mantenere la calma, anche per chi chi viene trovato positivo o pensa di esserlo, ma asintomatico. Ci sono pochissime possibilità che queste persone possano soffrire eccessivamente".

"Stiamo cercando di intrattenerli"

Il medico contagiato insieme a 15 membri. Peterschmitt crede di aver preso COVID-19 dalla sua chiesa.

E scherza sul fatto che affrontare il COVID-19 è meno impegnativo dei suoi quattro figli.

"Davvero, mi sento molto bene", ha detto. "Sono forse un po' stanco perché non dormo molto perché ho quattro figli... mi esauriscono più del virus che penso".

"A casa cerchiamo di farli divertire. Finora sono passati solo tre o quattro giorni, quindi non si annoiano ancora".