ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Albania: scontro tra Presidente e governo, Meta invoca la piazza

euronews_icons_loading
Albania: scontro tra Presidente e governo, Meta invoca la piazza
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Presidente dell'Albania, Ilir Meta, vuole portare la battaglia politica contro il governo del suo Paese per le strade di Tirana, all'esterno degli uffici del Primo ministro.

Con una mossa insolita, il Capo dello Stato, ha convocato una manifestazione per lunedì prossimo, davanti all'ufficio del Premier Edi Rama.

Il Presidente ha esortato gli albanesi a opporsi a quello che definisce un disegno per minare i poteri presidenziali messo in opera dal governo e del parlamento a maggioranza socialista.

Al centro del conflitto c'è la nuova della procedura di elezione dei membri della Corte Costituzionale introdotta con la riforma della giustizia.

Questo è l'ultimo di una serie di scontri tra Presidente e governo che hanno preso il via con le elezioni dello scorso anno.

Entrambe le parti si scambiano accuse di violazione dei poteri e di atti incostituzionali.

In un'intervista esclusiva con Euronews, Meta accusa il governo di violare la costituzione: "Sto combattendo per tutelare lo stato di diritto in Albania - dice Ilar Meta - Sto lottando per proteggere la democrazia da un partito di regime che ha usurpato ogni istituzione indipendente di questo Paese e si è accaparrato la corte costituzionale. È una battaglia cruciale per la democrazia e per il ripristino dell'ordine costituzionale nel Paese".

Raddoppiando l'attacco al governo, il Presidente ha denunciato la ministra della Giustizia e gli alti funzionari del ministero.

La ministra della Giustizia, Etilda Gjonaj, definisce le accuse "sciocchezze" e ha aggiunto di accogliere con favore qualsiasi indagine sulla riforma della giustizia.

Il governo, che ha avviato una procedura di impeachment contro il capo dello Stato, respinge le accuse di aver fatto un colpo di stato, e punta il dito contro le dispute interne ai partiti di opposizione.

"Questo ha a che fare con i conflitti che si sono creati all'interno dell'opposizione, tra il leader del Partito Democratico e il presidente Meta - risponde l'esponente socialista Taulant Balla Si scontrano per la leadership dell'opposizione. Noi non partecipiamo a tali dibattiti, questo è un problema che loro".

L'Albania spera di aderire all'Unione Europea nei prossimi anni e le aspirazioni di adesione impongono un confronto democratico tra le forze politiche e la tutela dello stato di diritto.