ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cop25, quanto fa male la moda all'ambiente?

Cop25, quanto fa male la moda all'ambiente?
Dimensioni di testo Aa Aa

La moda fa male all'ambiente, l'industria dell'abbigliamento infatti è uno dei settori che inquina di più, secondo un ultimo rapporto Onu è responsabile per il 20 percento dei rifiuti mondiali e per il 10% delle emissioni tossiche globali .

Tra il 2000 e il 2015 la produzione di abbigliamento è più che raddopiata arrivando a oltre 100 miliardi di tonnellate di capi prodotti. La maggiorparte di questa produzione si concentra in Paesi ancora poco sensibili alle tematiche ambientali.

Fee Gilfeather è un'esperta del settore per Oxfam ci dà dati che fanno rabbrividire: "In realtà vengono prodotte più emissioni tossiche degli aerei e delle spedizioni internazionali messe insieme. Si tratta di una quantità incredibile. È un problema in termini di quantità di acqua utilizzata. Solo per fare un esempio, ci vogliono 13 anni per bere l'acqua che serve per fare un paio di jeans e una maglietta".

Ma non è tutto, non si tratta solo della produzione dell'abbigliamento, ma anche il suo packaging e la spedizione dai posti di produzione ai luoghi dove vengono venduti.

Ma anche la moda si impegna in questo senso, l'anno scorso alcuni giganti del pret-à-porter hanno firmato la Fashion Industry Charter for Climate Action, in cui si impegnano a ridurre del 30% le emissioni di gas a effetto serra entro il 2030.

Ma non è una questione di pret-a-porter, anche se quest'ultimo ha incoraggiato la modalità dell'usa e getta dell'abbigliamento; i problemi all'interno dell'intero sistema di produzione, e quindi anche per l'Alta moda, sono gli stessi.

Alla COP25 di Madrid , rivenditori e gruppi industriali proporranno le conclusioni della Carta firmata in Polonia l'anno scorso e che prevede tra l'altro di arrivare a emissioni zero nel 2050.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.