ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Rendez-vous: musica, architettura, pittura negli eventi in giro per l'Europa

euronews_icons_loading
Rendez-vous: musica, architettura, pittura negli eventi in giro per l'Europa
Diritti d'autore  Invision   -   Vianney Le Caer
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'antologia di eventi, il ''must do'' che spazia dalla musica all'arte ci porta a Londra, alla 02 Arena, per la mostra dedicata agli Abba, l'iconica band svedese che per tutti gli anni '70 ha scalato le hit e venduto più di 400 milioni di dischi in tutto il mondo. L'esposizione offre ai fan uno sguardo intimo sulla vita del gruppo, grazie alla presenza di molto materiale fornito dagli ABBA stessi, che hanno aperto i loro archivi personali e messo in vetrina oggetti, strumenti musicali, appunti e gadget.

Da Londra a Granada per scoprire l'universo berbero: a inaugurare l'esposizione al Palazzo dell'Alhambra la regina Leticia di Spagna. La mostra ha lo scopo di promuovere e far conoscere la cultura e la storia dell'Amazigh e la sua profonda influenza sull'Andalusia. Dei 300 oggetti in mostra, i visitatori avranno l'opportunità di vedere gioielli provenienti da diverse regioni del Marocco, ceramiche, cestini, tappeti e armi di varie epoche.

"Nella luce di Napoli" è un percorso espositivo che racconta l'amore dell'architetto spagnolo Santiago Calatrava per la città partenopea. Sino a maggio, gli spazi del museo Capodimonte mettono sotto teca 400 opere tra sculture, modelli in scala e disegni di una delle menti più feconde dei nostri tempi: un artista della forma che in molti casi ha definitivamente plasmato il genius loci dei territori. Dall'Oculus, simbolo di rinascita dopo l'attentato alle Torri Gemelle, alla Stazione dell'Aeroporto di Lione Saint-Exupéry: 40 anni di carriera raccontati attraverso una grande produzione architettonica.

Alla Royal Academy of Art di Londra l'appuntamento è con la mostra su Lucian Freud, pittore tedesco naturalizzato britannico, nipote di Sigmund. Sguardi intensi, volti contratti, linee definite da pennellate energiche: negli autoritratti dell'artista un arco temporale di sette decenni di lavoro. Il primo lavoro in mostra risale a quando Freud aveva circa 16 anni, l'ultimo quando ne aveva circa 82.