ULTIM'ORA

Salonicco, porto franco per i turchi in fuga dalle purghe post-golpe

Salonicco, porto franco per i turchi in fuga dalle purghe post-golpe
Dimensioni di testo Aa Aa

Salonicco, l'antica città della Grecia settentrionale, si è trasformata in un porto franco per i richiedenti asilo dalla vicina Turchia.

Dopo il fallito colpo di stato ad Ankara e la massiccia repressione del movimento religioso di Fetullah Gülen, la città ha accolto cittadini turchi perseguitati, molti dei quali insegnanti, funzionari pubblici o imprenditori. Nonostante Erdogan gli attribuisca la responsabilità del fallito golpe del 2016, Gulen, influente imam turco esiliato negli Stati Uniti dal 1999, nega ogni implicazione. Ma le molteplici incursioni contro i gülenisti in Turchia hanno scatenato un'impressionante fuga di cervelli: il paese sta perdendo una gran parte della sua ben istruita classe media.

Tant'è vero che, con l'arrivo a dei profughi turchi, la città ha visto un rifiorire di start-up e piccole imprese come gelaterie, ristoranti, negozi di scarpe e di biancheria intima.

Un imprenditore di successo

Prima di fuggire dalla Turchia, Musa Yücel era o un imprenditore di successo nell'edilizia e attivo nel consiglio di sorveglianza delle scuole legate al movimento gülenista a Sinop. Per 20 anni, è stato attivo in diverse attività commerciali, come la costruzione e la vendita di appartamenti. Ha posseduto inoltre diversi ristoranti e ha imparato a cucinare da perfetto autodidatta .

Quando è iniziata la caccia alle streghe contro i sostenitori di Gülen, anche Musa è stato preso di mira, seppure non avesse partecipato in alcun modo al fallito colpo di stato militare contro il presidente turco, nell'estate 2016.

"E' stato straziante lasciare la mia amata patria", ci racconta. Insieme alla moglie, Musa ha aperto "Pita in the City" una tavola calda nel centro storico di Salonicco. "Sono stato accusato di essere membro di un'organizzazione terroristica e di aiutare finanziariamente e gestire il movimento di Gülen. Durante il processo ho passato otto mesi in carcere a causa di queste accuse".

Non avendo prove materiali per condannarlo, i giudici hanno rilasciato Musa dopo il lungo periodo di detenzione. Ma temendo un secondo mandato di arresto, nel corso della seconda ondata di persecuzioni contro i gülenisti, l'imprenditore ha deciso di nascondersi. Per dieci mesi ha vissuto in semi-clandestinità, prima di lasciare la Turchia attraversando il fiume Evros.

"La situazione in prigione era davvero difficile. Eravamo in ventidue in una cella costruita per sei. Non avevamo acqua a sufficienza e non abbiamo avuto abbastanza da mangiare. Non erano ammessi libri, nemmeno il Corano".

Attraversare l'Evros

Ahsen Safiye èarrivata a Salonicco con il marito e la figlia Neda. Ha studiato chimica, poi ha trovato lavoro in uno degli istituti scolastici gestiti dall'organizzazione di Gülen a Sirnak, vicino al confine turco-iracheno. Durante il colpo di stato, lei e suo marito, entrambi insegnanti, hanno intimato di mantenere la calma ai loro studenti. Tuttavia, entrambi hanno perso il lavoro e sono stati costretti a lasciare il paese clandestinamente.

"Quando stavamo attraversando il fiume Evros, che divide la Turchia dalla Grecia, era buio e dovevamo portare nostra figlia, così abbiamo perso tutti i nostri averi" ricorda. "Quando siamo arrivati a Salonicco, non avevamo niente. Abbiamo trovato alcuni vestiti e altri generi di prima necessità solo grazie a un emporio di beneficienza gestito dai sostenitori di Gulen".

"For Irida, I love you all, the Irida family. I don't know how to express my feeling about today. I am sad and my heart...

Publiée par InterVolve sur Lundi 18 novembre 2019

Vita da esuli

Ahsen e Neda sono tra le 300 donne assistite dall'"Irida Women's Center", una ONG di Salonicco creata un anno e mezzo fa. Nonostante l'organizzazione abbia accolto donne di 35 differenti nazionalità, il numero delle utenti turche ormai aumenta di giorno in giorno.

" Proprio ieri - ci spiega la project manager Christa Calbos - ne abbiamo registrate quattro. Una delle principali sfide che ci troviamo ad affrontare qui è fare in modo che le donne della nostra comunità vedano riconosciuto il loro background formativo e lavorativo, in modo che possano ricominciare a vivere anche in Grecia, avendo accesso al mercato del lavoro. Inoltre, la maggior parte delle nostre assistite sono madri, i loro figli vanno nelle scuole pubbliche greche e si trovano anche a dover imparare la lingua.".

Dopo il tentativo di colpo di stato, Ahsen e il marito sono finiti in custodia cautelare insieme a circa 77.000 altri presunti " terroristi", trascorrendovi oltre un anno. La loro bambina di 15 mesi hanno dovuto lasciarla con i parenti. Ma a qualcuno è andata anche peggio.

"In prigione - spiega lei - la cosa più difficile era vedere una detenuta con il suo bimbodi 30 giorni: lei non aveva abbastanza latte e il bambino era così piccolo e magro... non era possibile dargli cibo a sufficienza.".

Un uomo pacifico

In un villaggio greco incontriamo Bekir. Lavorava come insegnante di informatica in una scuola affiliata al movimento di Fetullah Gülen. Dopo il colpo di stato, è finito tra le 150.000 persone che sono state licenziate a causa di presunti collegamenti con la rete dell'imam in esilio. La Grecia garantisce all'ex insegnante di informatica e alla sua famiglia un piccolo sostegno finanziario grazie ai fondi dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

"Il primo settembre sono stato licenziato con il decreto presidenziale numero 672. Sono stato etichettato come criminale. Non mi è stato concesso il diritto di difendermi, sono stato praticamente esposto a una specie di morte sociale. Dopo il mio licenziamento, anche due miei ex avvocati sono stati arrestati: all'epoca mi sono rivolto a undici avvocati. Di questi, dieci hanno rifiutato anche solo di dare un'occhiata al mio caso. Oggi vedo la Turchia come una completa dittatura".

Bekir conosce il Corano a memoria e ogni giorno ne recita una ventina di pagine. Il suo rigore religioso fa il paio con alcuni dei valori predicati da Gülen, come il primato dell'istruzione, della preghiera e la gestione dei conflitti attraverso il dialogo. Dice di essere un uomo pacifico, "incapace di uccidere anche una mosca".

"Questi sono due libri sul profeta Maometto - ci dice, sfogliando due grossi volumi - uno dei quali è stato scritto da Fetullah Gülen. Sono considerati come prove criminali in questo momento in Turchia. Quando ero ancora a casa, ho dovuto sotterrare sette enormi sacchi di libri. A causa di libri del genere, molti sono finiti in prigione".

Parto clandestino

Yasemin Atik lavorava come gestrice di dormitori studenteschi legati al movimento di Gülen. Era inoltre volontaria in diverse organizzazioni di beneficenza che facevano capo all'Imam .Fino al colpo di stato, tutte queste scuole e organizzazioni erano perfettamente legali. Ma quando è iniziata la repressione contro i Gülenisti, la donna era già incinta.

"Le scuole per cui lavoravo sono state chiuse" racconta. "C'era un mandato d'arresto contro di noi, quindi non ho avuto la possibilità di andare in un ospedale. Quando entri in ospedale sei nel loro database e possono trovarti e arrestarti. Per questo, abbiamo deciso di partorire a casa. Le ostetriche sono arrivate, di mattina presto, chiedendomi non urlare durante il parto. Nei due anni successivi, ogni singolo giorno avevamo paura di essere arrestati".

Come Yasemin di insegnanti, manager, funzionari pubblici o uomini d'affari licenziati e finiti nelle liste nere del governo oggi hanno poche possibilità di vivere in Turchia. Dicendo addio al loro paese d'origine, cercano di ricominciare una nuova vita altrove in Europa o all'estero.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.