ULTIM'ORA

Berlino, Daniel Barenboim dirige "Le allegre comari di Windsor"

Berlino, Daniel Barenboim dirige "Le allegre comari di Windsor"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

BERLINO (GERMANIA) - Il nostro programma "Musica" è ormai di casa alla Berliner Staatsopera.

La giornalista di Euronews, Katharina Rabillon, ci fa entrare ancora una volta dalla porta principale, per seguire un classico dell'opera mondiale, ma con il gusto di una "nuova" interpretazione.

Una commedia spiritosa, di amore, infedeltà e diffidenza, basata sulla celebre commedia (scritta tra il 1597 e il 1601) di William Shakespeare, ma dal sapore tutto tedesco.

Arrivano "Le allegre comari"

La Staatsopera di Berlino ha celebrato la sua "Première" della nuova stagione con "Le allegre comari di Windsor" di Otto Nicolai.

Nel ruolo principale del bon vivant Sir John Falstaff, il basso tedesco René Pape, 55 anni, conosciuto come "The Black Diamond Bass".

Il Maestro Daniel Barenboim, 76 anni, in passato già Direttore del Teatro della Scala di Milano, dirige con classe, ironia e spensieratezza.

"Puro umorismo tedesco"

"Questo pezzo fa parte del DNA di questo paese. È puro umorismo tedesco", commenta Daniel Barenboim, attualmente Direttore Musicale della Staatsoper.

"Noi tedeschi siamo divertenti!"

"Sì, l'umorismo tedesco esiste. Anche se è un testo shakespeariano, noi tedeschi siamo sicuramente persone divertenti!", esclama Renè Pape.

"Lo si vede anche nella composizione di Nicolai. Ha intrecciato molte citazioni di altre opere, facendo l'occhiolino ad ognuna di esse", aggiunge il basso.

Lo stesso compositore tedesco ha diretto la prima mondiale 170 anni fa, proprio qui a Berlino.
Morì giovane, poco dopo, ad appena 39 anni.

"Otto Nicolai era una personalità molto importante. Nato in Germania, ha lavorato molto a Vienna ed è stato lui a fondare la Wiener Philharmoniker".
Daniel Barenboim
Direttore Musicale Staatsopera di Berlino
Otto Nicolai (1810-1849)

"Il Cavaliere grasso"

Come il "Falstaff" di Verdi, Otto Nicolai ha basato la sua opera sul racconto del "Cavaliere grasso" che ha visto giorni migliori. Cerca di sedurre due donne (la signora Ford e la signora Page) che poi complottano contro di lui e diventa il cornuto del villaggio di Windsor.

"Due mondi così diversi"

"Da un lato c'è questa sorta di idillio borghese delle comari di Windsor. Vogliono solo ammazzare il tempo e iniziano un gioco con qualcuno che è totalmente diverso da loro. Dall'altra parte c'è il mondo di Falstaff, che ha deciso che vuole passare la sua vita in modo diverso, non in modo borghese", spiega il regista, David Bösch.

"Falstaff, un simpatico sciocco che vuole vivere a modo suo"

"Questo è ciò che mi piace di Falstaff, che da un lato è maldestro, ma dall'altro è anche un simpatico, bonario sciocco. Cerco di mostrarlo in un modo attraverso cui lui stesso si ponga delle domande", aggiunge Renè Pape.

Otto Nicolai ha definito il suo capolavoro un'opera grottesca o, per meglio dire, comico-fantastica.

"La parte fantastica è il coro lunare alla fine del terzo atto e gli elfi, le zanzare, le mosche e i moscerini. Ê un po' come una favola", commenta Renè Pape.

"Sarà un mondo fantastico"

"C'è anche tentativo, nel terzo atto, di far disintegrare i mondi cosi diversi dei protagonisti. La piscina rimane lì, ma improvvisamente è circondata da un paesaggio vuoto e i diversi mondi diventano un tutt'uno", conclude David Bösch.

"Sarà un mondo fantastico".

Una delle allegre comari.
Il coro lunare alla fine del terzo atto.

Buon ascolto!

Link utili

- Staatsoper di Berlino
- Le allegre comari di Windsor

"Social" Backstage

Katharina Rabillon, la nostra esperta di musica classica e opera, conduttrice del programma "Musica" su Euronews, dopo le interviste si fa fotografare in compagnia del Maestro Daniel Barenboim e degli altri protagonisti de "Le Allegre Comari di Windsor".

Il Maestro Daniel Barenboim insieme a Katharina Rabillon.

Una cartolina da... Berlino

L'esterno della Berliner Staatsoper.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.