Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Ue: bilancio zona euro, trovato un fragile accordo ma continua il pressing sull'Italia

Ue: bilancio zona euro, trovato un fragile accordo ma continua il pressing sull'Italia
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Non solo Italia nella riunione dell'eurogruppo. Che si è conclusa con un primo, fragile e parziale accordo sul bilancio della zona euro.

Su questo punto, il presidente dell'Eurogruppo Mário Centeno, ha precisato:

Màrio Centeno con la ministra delle Finanze spagnola

"Quando parliamo di bilancio, anche i dettagli contano ma questi verranno discussi più avanti e nell'anno, Rimane aperta la delicatissima questione del finanziamento del bilancio, ha precisato Centeno, le nostre discussioni hanno toccato vari aspetti ma è sicuramente necessario altro lavoro"

L'obiettivo di un bilancio della zona euro

L'obiettivo degli Stati membri della zona euro è finalizzare il pacchetto entro la fine dell'anno per poi procedere con la ratifica in ciascuno stato membro.

Il Commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, ha commentato dicendo che si tratta del migliore accordo posibile:

A destra il Commissario europeo Pierre Moscovici

"Inizialmente alcuni ministri erano contrari al termine 'budget della zona euro', i Paesi Bassi, per esempio che hanno chiesto esplicitamente che fosse chiamato strumento di bilancio per la competitività e la convergenza".

Bilancio divisorio

L'idea di un bilancio della zona euro divede l'Europa da due anni tra i Paesi del sud, che spronano per una maggiore solidarietà inter statale e quelli del nord , fautori invece del rigore finanziario.

Il bilancio della zona euro potrebbe diventare realtà nel 2021, il suo obiettivo è quello di incoraggiare riforme strutturali per aumentare la competitività della zona euro.

Se gli Stati non rispetteranno i propri impegni, saranno tenuti a rimborsare i fondi comunitari. Non è prevista una funzione di tipo stabilizzatrice , che potrebbe andare in aiuto a un Paese cheattraversa difficoltà economiche finanziare ( come potrebbe essere il caso dell'Irlanda con una Brexit senza accordo).

E per l'Italia?

L'Italia resta sorvegliata speciale, ha più o meno una settimana di tempo per portare i nuovi elementi che serviranno a rispondere ai dubbi della Commmissione .

Bruno Le Maire con Giovanni Tria

Sul caso Italia è tornato il ministro francese Bruno Le Maire: "La Commissione ha porto la mano all'Italia, spero che l'Italia sia in grado di coglierla perché è nel nostro interesse comune spianare la strada a una soluzione costruttiva".

La Commissione stringe i tempi per valutare i nuovi dati prima di preparare la raccomandazione di apertura della procedura contro l'Italia sul debito.

Raccomandazione che potrebbe essere adottata già a fine giugno.

Si guarda infatti all'ultimo mercoledì di giugno, il 26, come data possibile per adottare la raccomandazione sulla procedura. Che dovrà poi essere approvata da Eurogruppo ed Ecofin dell'8-9 luglio. Cruciale, a questo punto, sarà il vertice europeo di giovedì e venerdì prossimi, dove il premier Conte incontrerà il presidente Juncker.

Cosa chiede Bruxelles?

Bruxelles ha bisogno di nuovi elementi da valutare, ma non potrà accontentarsi dei risparmi già materializzati sull'attuazione delle misure nel primo semestre dell'anno. Secondo quanto si apprende, ha bisogno di risparmi maggiori e di rassicurazioni concrete sul 2020.